MasterNewMedia Italia
Scopri i migliori tool per comunicare,
collaborare e fare marketing
   
Curated by: Luigi Canali De Rossi
 


25 ottobre 2006

Televisione Via Internet: La TV Commerciale Attacca I Network P2P

Il fenomeno dell'Internet television sta alimentando molte controversie tra coloro che supportano le TV commerciali, a causa dei cambiamenti devastanti che potrebbe provocare nel mondo dei mass media. La crescita senza fine dei social media networks online spinge gli utenti internet a chiedersi quali siano le alternative ai corporate media.

free_tv_player_big.gif
Photo credit: Allofmp3

Con la diffusione dei P2P networks, gli utenti internet hanno incrementato le loro opportunità di condividere informazioni e sono diventati in grado di produrre e distribuire notizie in maniera indipendente. La tecnologia P2P, supportata da un'autentica cultura peer-to-peer - sta cambiando progressivamente il modo con il quale le persone si rapportano con le TV commerciali tradizionali permettendo loro di scegliere che cosa, come e quando vederlo.

I P2P networks comunque portano con sé molte questioni, che vanno dalla violazione del copyright al rapporto con i principali canali televisivi e studios cinematografici.

Mentre molte aziende, corporazioni ed artisti hanno recentemente iniziato a trarre vantaggio delle tecnologie P2P per distribuire le loro opere, per le TV commerciali questa tecnologia può rappresentare un danno.

All'inizio del 2006, ha avuto luogo un evento davvero significativo: Sky, uno dei principali provider di pay TV digitale, ha citato in giudizio due giovani webmaster italiani perchè avevano linkato un'internet TV cinese che inviava in streaming legalmente le partite di calcio sul web.

Recentemente si è parlato molto di questo all'interno dei blog italiani e questo dimostra come sia elevato l'interesse verso questi argomenti che influenzano il futuro della trasmissione televisiva e dell'internet television.

 

L'inizio della storia

go_sign.gif

C'è una TV cinese chiamata CCTV, che trasmette legalmente partite di calcio precedentemente acquistate da altri canali televisivi. CCTV ha inoltre acquistato i diritti di trasmissione di tutte le partite del campionato di calcio italiano che appartengono a Sky, la più grande TV digitale inglese leader nella trasmissione di eventi sportivi, cinema e news.

A questo punto, un'altra azienda cinese chiamata Synacast ha apparentemente fatto un accordo con CCTV per trasmettere il loro segnale su Internet. Facendo ciò le due compagnie cinesi hanno permesso a migliaia di persone in tutto il mondo di guardare le partite su Internet grazie alla tecnologia P2P.



Il Fatto

stop_sign1.gif

Nel gennaio 2006,due webmaster italiani sono stati denunciati da Sky, perchè hanno utilizzato i loro siti (http://www.calciolibero.com e http://www.coolstreaming.it) per diffondere informazioni su come scaricare il software P2P con cui è possibile guardare le partite comprate legalmente dai canali cinesi. I due siti inoltre fornivano i link direttamente ai siti cinesi.

La procedura per guardare questi giochi era davvero semplice: gli utenti avevano bisogno solo di scaricare il client P2P e di installare Windows Media Player (disponibile anche per utenti Mac). Attraverso questo meccanismo era possibile guardare letteralmente qualsiasi show televisivo legalmente trasmesso da CCTV da qualsiasi parte del mondo.

Subito dopo che il boss di Sky, Rupert Murdoch, ha fatto citare in giudizio i due ragazzi, la Guardia di Finanza ha provveduto ad indagarli per violazione dei diritti d'autore. Inizialmente la richiesta non ha portato conseguenze perchè rigettata dal giudice, ma Sky non si è data per vinta ed a portato il caso davanti all'Alta Corte Di Giustizia Italiana.

Una corporazione gigantesca contro due giovani ragazzi.



Che cosa sta accadendo ora

no_access_sign.gif

L'Alta Corte di Giustizia ha disposto un nuovo processo contro i due webmaster per aver "illegalmente diffuso e trasmesso via Internet eventi sportivi di cui Sky aveva i diritti esclusivi, con l'aiuto di un software peer-to-peer". Non sappiamo ancora quello che accadrà

Quello che sappiamo di sicuro è che questi due siti italiani sono stati chiusi perchè considerati illegali.
Beppe Grillo ha commentato la scorsa settimana che con questa decisione l'Alta Corte ha stabilito che chiunque linki ad un programma televisivo o ad una video clip protetta da copyright può essere soggetto ad un processo.

Inoltre Grillo ha affrontato altre importanti questioni:

"Se una persona utilizza Google per cercare il sito cinese e Google punta a questo sito, perchè Murdoch non processa Google stesso e già che c'è l'intera Internet?".

Beppe Grillo ha poi richiesto alla comunità Internet di mobilitarsi contro questa decisione, supportando i due ragazzi italiani inviando una mail di autodenuncia all'Alta Corte di Giustizia.

Le leggi odierne non sono chiare sul fatto se quello che hanno fatto i due ragazzi italiani sia legale oppure no: L'internet television non può essere soggetta alle sole leggi italiane senza affrontare il rischio di incorrere in censure e limitazioni della libertà degli utenti.



Che cosa accadrà ?

danger_sign.gif

La prima cosa a cui dobbiamo pensare è che linkare a qualsiasi risorsa disponibile online può essere considerato un crimine.

Inoltre come afferma ironicamente il blog MiniMarketing, Sky ha fatto un autogol, portando all'attenzione di tutti un fenomeno la cui esistenza era sconosciuta alla maggior parte dei fan italiani con il risultato che ora molte persone sanno utilizzare i network P2P.

Roberto Pavanello del giornale La Stampa, ha inoltre portato all'attenzione un ulteriore tassello (che se fosse vero sarebbe un ulteriore elemento a cui pensare) di questa intricata vicenda:

"Non potendo agire in Cina, la Finanza italiana ha chiesto aiuto agli internet service provider per impedire agli utenti italiani di accedere ai server cinesi ed inoltre gli investigatori creeranno una black list di siti che gli utenti italiani non saranno in grado di visitare". (La Stampa - 28 gennaio 2006)

Se la polizia italiana stesse realmente creando una lista di questo genere saremmo molto vicini ad una pura censura grazie ad un'azione di una TV commerciale.

Che cosa ne pensi?



Segnali stradali da The Highway Code

 
 
 
 
 
Commenti    
blog comments powered by Disqus

 

 

 

 

6285
 



 

Risorse Consigliate

 

 

I Toolkit di Robin


 









 

 

 

 

  • RSS Feed

          Mail
    Nome:
    Email:
     



     
     

     

    Web Analytics