MasterNewMedia Italia
Curated by: Luigi Canali De Rossi
 


28 giugno 2007

Information Design: Come Impaginare Contenuti Online Per Ottenere La Massima Leggibilità - La Tecnica Del Chunking


Se desideri migliorare significativamente l'accessibilità del tuo contenuto fornendo allo stesso tempo ai tuoi lettori una modalità facile per scorrere rapidamente tra le informazioni, devi fermarti un attimo a ripensare il tuo approccio alla formattazione del contenuto online.

Rendere il contenuto adatto alla lettura è uno dei compiti più critici della formattazione.

poem2-567311_74756230-450.jpg
Foto credit: Melodi T

Se hai già seguito i suggerimenti di Robin Good riguardo la lunghezza massima delle righe di testo e riguardo gli altri componenti chiave del contenuto, ora hai bisogno di aggiungere al tuo bagaglio di competenze per la scrittura online, quella di suddividere efficacemente il testo in blocchi (chunking).

La suddivisione per blocchi di testo (chunking) è un metodo di presentazione delle informazioni che suddivide i concetti in piccoli pezzi di informazione (detti "chunks") al fine di facilitarne e velocizzarne la lettura e la comprensione.

La suddivisione per blocchi di testo (Chunking) è utile soprattutto per i materiali che vengono presentati su web proprio perché i lettori tendono a scorrere velocemente un testo alla ricerca di informazioni specifiche su una pagina web piuttosto che leggere la pagina in maniera sequenziale da cima a fondo.

Il contenuto suddiviso in blocchi solitamente contiene:

  • elenchi puntati o numerati
  • brevi sottotitoli
  • periodi brevi con una o due idee contenute in ogni singolo periodo
  • paragrafi brevi, addirittura paragrafi contenenti un solo periodo
  • testo leggibile scorrendolo rapidamente, con le frasi chiave in grassetto


  • grafica allineata allo scopo di guidare l'occhio di chi legge o di illustrare alcuni punti del testo che altrimenti richiederebbero l'uso di testi più lunghi

Ma come mettere in pratica quanto stiamo dicendo?

Ecco alcune raccomandazioni per publisher principianti o esperti.

 

poem-sxc-93654_5227-450.jpg
Foto credit: Oliver Woelfl



Sono in molti a chiedermi come possono fare per migliorare l'usabilità e l'accessibilità del loro contenuto online. Numerosi sono i fattori determinanti, incluso il layout della pagina, i margini, i caratteri tipografici, la dimensione dei caratteri e la lunghezza della riga. Ci sono poi alcuni altri fattori ai quali si presta di solito poca attenzione dal momento che non fanno parte del nostro bagaglio tradizionale, tipo la formattazione a blocchi.

L'industria della stampa e quella libraria, travolta dalla preoccupazione di determinare prezzi di vendita sempre più competitivi, ha dimenticato che lo spazio su una pagina è invece una variabile che può essere utilizzata per migliorare la leggibilità e per accrescere l'esperienza di lettura dell'utente.

Mi meraviglio del fatto che il numero di libri nuovi da recensire che mi vengono inviati siano ancora formattati praticamente senza spazi tra i paragrafi, cercando di comprimere quanto più contenuto possibile nel minor numero di pagine. Quello che mi meraviglia ancora di più, è che ci siano ancora persone che vogliano leggere in questo modo!

Fortunatamente, questa non è la norma applicata da tutti ed alcune case editrici si stanno muovendo nella direzione delle nuove modalità di lettura più attuali correlate alle abitudini di lettura su web.

E' cosa ben nota alla maggior parte di noi, che la lettura su web non si effettua con le stesse modalità a cui siamo stati abituati per la lettura di testi stampati.



Quali sono le differenze tra la pianificazione del contenuto a stampa e del contenuto per il web?

a) Sul web, circa l'80% dei miei lettori, arriva dai motori di ricerca come Google, che avrà suggerito loro che sul mio sito si trova qualcosa che corrisponde a quanto stavano cercando nello specifico. Cioè, queste persone stavano cercando qualcosa di specifico, e Google, o un altro tra i principali motori di ricerca, ha suggerito loro un articolo sul mio sito che poteva soddisfare la loro richiesta.

b) Di conseguenza, i lettori che arrivano sul mio sito e sono in cerca di qualcosa di specifico, non leggeranno sicuramente il mio articolo dall'inizio alla fine, ma "lo scorreranno rapidamente" per controllare se contiene o meno le informazioni che stavano cercando.

c) Scorrere velocemente per trovare una informazione (scanning) significa che l'occhio del lettore non passerà su tutte le righe di testo che sono state scritte, da sinistra verso destra e dall'alto verso il basso (leggendo nelle principali lingue Occidentali), ma che, invece, scorrerà sul margine sinistro verticalmente, andando dall'alto verso il basso e cercando punti di "ancoraggio del testo" che diano modo di capire di cosa parlano alcuni periodi/paragrafi in quel testo. Così facendo, il lettore potrà capire, in una frazione del tempo che avrebbe impiegato a leggere invece l'articolo intero, se l'articolo contiene o meno il tipo di informazioni che stava cercando.

Perciò, non sarebbe meglio fare di tutto per aiutare i lettori a scorrere velocemente il contenuto delle tue pagine quando cercano informazioni specifiche e per aiutarli a trovare quanto più rapidamente possibile quello che stanno cercando?



Suddividi in blocchi il tuo contenuto!



Ecco come fare:

1) Tratta il tuo contenuto come se fosse una "poesia". Fai in modo che ogni concetto ed ogni idea possano stare in piedi autonomamente invece di comporre lunghissimi paragrafi di testo. Per fare ciò, proprio come si vede in una poesia stampata, i paragrafi sono separati da una o più righe vuote.



2) Inserisci una riga vuota tra ognuno dei paragrafi. Questo creerà visivamente i blocchi separati che sono di vitale importanza per aiutare l'occhio del lettore a scorrere rapidamente la pagina alla ricerca di punti di "aggancio del testo" rilevanti. Una riga vuota è tutto ciò di cui si ha bisogno per separare i paragrafi e rendere il testo molto più scorrevole.



3) Evidenzia i punti di aggancio chiave del testo nel tuo contenuto. Dal momento che alcuni paragrafi del tuo contenuto conterranno informazioni più rilevanti rispetto ad altri, metti in grassetto le prime parole iniziali di questi paragrafi, per segnalare visivamente al lettore la rilevanza di quella sezione specifica. Ovviamente, più utilizzerai questo metodo, meglio imparerai a scrivere paragrafi che comincino con parole chiave rilevanti e appropriate, da essere poi grassettate.



4) Non inserire il grassetto alle parole iniziali di ognuno dei paragrafi oppure i punti di aggancio non funzioneranno più all'occhio del lettore. E' molto importante che il grassetto delle parole iniziali di alcuni dei paragrafi sia applicato con moderazione al contenuto esistente oppure l'effetto non sarà quello desiderato. Il grassetto all'inizio di ogni paragrafo renderà i paragrafi tutti ugualmente importanti per l'occhio che legge, rendendo il compito della lettura veloce più impegnativo per il lettore.



5) Crea punti di aggancio anche mediante l'utilizzo di collegamenti ipertestuali. Per favorire ulteriormente la scorrevolezza e l'accessibilità del contenuto su una determinata pagina, puoi anche alternare l'uso del grassetto con l'uso di collegamenti ipertestuali su alcune parole iniziali di un paragrafo, soprattutto quando c'è l'opportunità di fornire il riferimento a una definizione, oppure delle informazioni aggiuntive su un argomento tecnico o su un prodotto o una persona specifici. Il collegamento ipertestuale di alcune parole produce infatti un effetto visivo simile al grassetto, con il testo che risulta di un colore differente rispetto al testo normale ed è al contempo anche sottolineato. Così, si può creare un aggancio visivo efficiente anche attraverso i collegamenti ipertestuali.



6) Non far cominciare mai una nuova frase dopo un periodo nel rigo successivo. Sia che il concetto sia stato completato, e quindi il paragrafo successivo dovrebbe essere separato da un rigo vuoto, o che la frase successiva sia una estensione naturale della frase stessa, hai bisogno di inserire un periodo e di cominciare un'altra frase SULLO STESSO RIGO del testo precedente. Riassumendo: quando inserisci un periodo alla fine di una frase hai solamente due opzioni per l'inserimento della frase successiva e sono le seguenti:

a) Lasciare una riga vuota e cominciare con un nuovo paragrafo.

b) Far cominciare la frase successiva sullo stesso rigo del periodo.



7) Utilizzando elenchi puntati e numerati, metti in grassetto le prime parole di ogni item. Uno degli errori più comuni che si vedono su molto del contenuto pubblicato online, è la ripetizione frequente, se non addirittura esagerata, di problemi di design. Uno di questi è la creazione di elenchi puntati e numerati che si leggono male dal momento che il testo non presenta alcuna interruzione. Che fare?

a) Inserisci sempre un rigo vuoto tra ogni punto dell'elenco.

b) Metti in grassetto le prime parole di ognuno degli item puntati (a meno che non siano elenchi molto brevi, come ad esempio questo).



Seguendo questi suggerimenti potrai significativamente incrementare la lettura veloce, la leggibilità e l'accessibilità del contenuto del tuo sito e fornire ad esso, allo stesso tempo, un aspetto più sobrio, meglio organizzato e molto più professionale.

Prova e vedrai la differenza.



Per ulteriori informazioni, vedi anche:



Articolo scritto originalmente da Robin Good per MasterNewMedia e pubblicato in data 28 giugno 2007 con il titolo: How To Format Online Content For Maximum Legibility: Chunking Information. La versione italiana è stata tradotta da Alessandro Banchelli - per un feedback editoriale scrivi a Robin.Good[at]masternewmedia.org.

 

Scritto da per MasterNewMedia.
 
 
 
 
 
Commenti    
blog comments powered by Disqus

 

 

 

 

7571
 



 

Risorse Consigliate

 

 

I Toolkit di Robin


 









 

 

 

 

  • RSS Feed

          Mail
    Nome:
    Email:
     



     
     

     

    Web Analytics