MasterNewMedia Italia
Curated by: Luigi Canali De Rossi
 


17 settembre 2008

Come Taggare I Tuoi Contenuti Scegliendo Le Tag Più Appropriate

Quando parliamo di findability e di classificazione dei contenuti, le "tag" rappresentano per molti editori online qualcosa di incomprensibile, e per questo motivo spesso le tag vengono utilizzate in maniera sbagliata o praticamente inutile. Ormai, taggare i post di un blog, le news o le recensioni è diventata una strategia comune e largamente utilizzata per consentire ai contenuti di essere non solo più reperibili, ma anche facilmente aggregabili e distribuibili in altri contesti.

creato con TagCrowd.com


Tag Cloud dei termini più popolari su Master New Media creata con TagCrowd

La mia definizione di tag è molto semplice: "Le tag sono un insieme di parole chiave per descrivere i tuoi contenuti online."

Ecco, invece, una definizione ufficiale:

"Una tag è una parola chiave o un termine associato a un "pezzo" di informazione (un'immagine, una mappa geografica, un post, un video clip, etc.) che descrive l'oggetto rendendo possibile la classificazione e la ricerca di informazioni basata su parole chiave."
(Fonte: Wikipedia)

La maggior parte dei Content Management System (CMS - Sistemi di Gestione dei Contenuti) e delle piattaforme di blogging dà agli editori online la possibilità di taggare qualsiasi contenuto venga pubblicato. Ciò accade non solo per le piattaforme di blogging, ma anche per qualsiasi altro servizio che consente di pubblicare contenuti online, da YouTube a Flickr. Se la funzionalità di tagging non è direttamente disponibile nella piattaforma di pubblicazione prescelta, il più delle volte è la possibile aggiungerla installando un semplice plug-in ... se non sai dove trovarlo basta chiedere in giro in un qualunque forum per webmaster.

Come vedrai tu stesso, il problema non sarà tanto installare il plug-in migliore, ma sarà come taggare i tuoi contenuti nella maniera più efficace possibile scegliendo le tag più appropriate.

In poche parole, taggare significa scegliere il giusto insieme di parole chiave per descrivere i tuoi contenuti che siano come delle "maniglie" che aiutano coloro che fanno ricerche a trovarti.

 

web-2-0-800px-web_2_0_map_svg.gif




Tag - Panoramica

Una tag aiuta gli utenti a trovare pagine web con contenuti rilevanti. Le tag rappresentano degli aspetti di una pagina web che sono difficili da rappresentare con una semplice query nel motore di ricerca. Pensa a una tag come una categoria.

Le tag sono utilizzate dai principali motori di ricerca, dai siti di social bookmarking come Del.icio.us e da servizi come Flickr e YouTube. Persino Gmail utilizza le tag per catalogare, trovare e aggregare le email senza forzare gli utenti a utilizzare categorie predeterminate.

Le tag possono essere definite manualmente dagli editor di news, dai blogger o da chiunque altro si occupi di pubblicare contenuti online. Inoltre, possono essere ulteriormente raffinate grazie alla partecipazione dei lettori. Di solito nei social media sono gli stessi utenti a definire le tag per i contenuti presenti sul sito. In un sito web o un blog, invece, è l'autore che decide se associare delle tag ai propri post oppure no.

"La classificazione attraverso le tag ha portato allo sviluppo della cosiddetta folksonomia, al concetto di social bookmarking e alle altre forme di software sociale.

Su larga scala, le folksonomie portano alla definizione di convenzioni nel tagging dei contenuti pattuite all'interno delle comunità virtuali che non derivano da un vero e proprio standard formalizzato.

il "tagging" è una modalità di organizzazione delle informazioni alternativa alle categorie fisse. Molti servizi online utilizzano un sistema ibrido: i contenuti vengono prima organizzati in categorie più grandi e poi vengono raffinate facendo uso delle tag per una classificazione più accurata."

(Fonte: Wikipedia)




Tipi di Tag

Quando utilizzi le tag devi capire come possono diventare delle "maniglie" e delle "etichette" efficaci per rendere i tuoi contenuti online più reperibili, aggregabili e ridistribuibili più facilmente.

L'errore comune che si commette quando qualcuno che non ha familiarità con le tag prepara dei contenuti da pubblicare online è l'utilizzo di categorie e di etichette ristrette al proprio settore o al proprio ambito di interesse.

In realtà, quello che bisogna fare è esattamente il contrario. Devi associare delle tag che siano quanto più vicine possibile a quelle che gli utenti avrebbero inserito se gli venisse chiesto di etichettare i tuoi contenuti.

Anche se questa cosa sembra facile a dirsi, a meno che tu non abbia già una certa dimestichezza, in realtà non è affatto semplice come può sembrare.

Per taggare i tuoi contenuti scegliendo le tag più appropriate devi analizzare i principali criteri di classificazione di ciò che stai pubblicando online.

Ecco alcune linee guida per identificare questi criteri di classificazione.



  • Tipo di Contenuto

    Si tratta di una recensione, un articolo, una relazione o una ricerca di mercato? Immagini, mappe, cataloghi, biografie, interviste, recensioni di film, news, manuali sono tutti esempi di tipi di documento che puoi utilizzare come tag. Sono tutte ottime etichette perché attraverso una semplice query è difficile restringere le ricerche a un tipo di documento specifico. Definire la tipologia del documento con tag rilevanti è un ottima strategia per incrementare la rintracciabilità dei tuoi contenuti.



  • Argomento

    Di che cosa stai parlando? Il tuo articolo parla di strategie di online marketing o di uno studio sull'interface design? Ricorda, l'argomento principale dei tuoi articoli dovrebbe essere sempre presente tra le tag.



  • Fonte

    Da dove hai attinto le informazioni per scrivere il tuo articolo? Provengono da un'università, da documenti aziendali o da associazioni no profit? Informare gli utenti sulle fonti da dove hai prelevato le informazioni pubblicate è una caratteristica importante e utile in molte situazioni.



  • Autore

    Chi ha creato l'articolo? Che sia tu o qualcun altro, l'autore che ha redatto l'articolo potrebbe essere una tag utile per rendere il tuo contenuto ancora più accessibile.



  • Pubblico

    Qualsiasi cosa che concluda la frase: " Questa pagina è scritta per ___". Etichette come "per_studenti", "per_avvocati" etc. sono tutte tag appropriate poiché è difficile identificare il pubblico attraverso una semplice query di ricerca.



  • Prodotti / Servizi Correlati

    Prodotti e servizi che hanno a che fare con l'argomento trattato. Possono essere marchi o prodotti che hanno qualcosa in comune con l'argomento del tuo articolo o che sono menzionati all'interno del testo.




Testare le Tag

Come puoi capire se una tag che stai pensando di inserire in un tuo articolo è appropriata ed è veramente utile? Un modo semplice per scoprilo è effettuare questo piccolo esercizio mentale. Ti devi chiedere: se qualcuno va su uno dei principali motori di ricerca o su Technorati e usa la tag che sto considerando per fare delle ricerche, troverebbe le informazioni associate a questa tag veramente utili?

In altre parole, se a questo articolo ho voluto associare la tag "classificazione contenuti", quando qualcuno utilizzerà questa tag per cercare delle informazioni e trova il mio articolo, troverà le mie informazioni interessanti e rilevanti? Più rispondi di si a questa domanda, più è probabile che la tag che hai scelto sia quella giusta.

Ovviamente, più generica è una tag e meno tag sono associate ad un articolo tanto più difficile sarà definirne il contenuto. Questo è il motivo per cui molti editori online assegnano circa tre, quattro o più tag a ogni contenuto pubblicato.




Per Saperne di Più Sulle Tag



dai un'occhiata anche a:

 

Scritto da per MasterNewMedia.
 
 
 
 
 
Commenti    
blog comments powered by Disqus

 

 

 

 

9459
 



 

Risorse Consigliate

 

 

I Toolkit di Robin


 









 

 

 

 

  • RSS Feed

          Mail
    Nome:
    Email:
     



     
     

     

    Web Analytics