MasterNewMedia Italia
Scopri i migliori tool per comunicare,
collaborare e fare marketing
   
Curated by: Luigi Canali De Rossi
 


5 gennaio 2009

New Media: Previsioni Per Il 2009 - Cosa Gli Editori Online Si Devono Aspettare Dal Prossimo Anno - Parte 3

Ecco la terza parte delle mie previsioni per il 2009. In questo articolo parlerò dei principali trend dei new media e cercherò di anticipare i cambiamenti più importanti e le innovazioni che riguarderanno il mondo dei new media e dell'online publishing.

new-media-previsioni-per-il-2009-parte3.jpg
Photo credit: Giancarlo Mazzaro - 7th Floor

Mentre nell'articolo precedente mi sono occupato di video publishing, del design dei siti web e della comunicazione visiva, in questa terza parte focalizzerò la mia attenzione sui social media, sugli X-event, sulla collaborazione online, sul P2P e sull'Open Source, sulla formazione e sull'educazione a distanza.

Ho anche riservato una piccola parte dell'articolo per condividere i mie progetti personali ed editoriali per il 2009, come mi hanno chiesto alcuni di voi.

Spero che tutte queste mie piccole intuizioni ti possano essere di aiuto.

 

 

New Media: Previsioni Per Il 2009 - Parte 2

(Parte 1 e Parte 2)
di Robin Good



Social Media e Social Media Marketing

Massimo-Burgio-by-Burningmax-Flickr-2096307887_9102d8e00b-485.jpg

Nel 2009 i social media continueranno ad espandersi. L'innovazione consisterà nella maggiore apertura dei servizi di social media già esistenti per implementare e per aggregare qualsiasi aspetto della tua presenza digitale.

Open Stack, OpenSocial, OpenID ed alcuni altri servizi stanno costituendo all'interno dei social media un forte trend nell'adozione e nell'utilizzo di standard liberi. Per esempio, OpenID è un profilo identificato da un indirizzo web che può essere utilizzato per accedere a qualsiasi sito lo supporti. OpenSocial invece risolve il problema dell'utilizzo di una qualsiasi applicazione su un qualsiasi sito web e mantiene i dati del tuo profilo e le relazioni che conservi in qualsiasi altro sito presente sul Web.

Per saperne di più su quale direzione sta prendendo questo movimento, puoi guardare il video della Open Social session che Marc Canter ha moderato durante il recente evento LeWeb08 di Parigi.

La mia opinione è che ci sarà una decentralizzazione della maggior parte dei servizi di tipo social. Le nuove applicazioni libere e le nuove funzionalità di tipo social che vedrai nel 2009 ti permetteranno di localizzare questi servizi stessi direttamente sul tuo sito o sulla tua comunità, mentre rimani interconnesso con tutti i profili dei diversi social network.

"Facebook è indubbiamente il social network del momento ma se gli sviluppatori progettassero applicazioni capaci di funzionare in luoghi diversi, Facebook diventerebbe marginale."

(Fonte: LeWeb08 The Social Stack - Computer Weekly)

Invece di dover entrare su Facebook o su Linkedin per conversare con i tuoi contatti e con chi condivide i tuoi interessi, potrai fare tutto questo direttamente dal tuo sito o dal tuo blog.



Ning

ninglogo.jpg

A quelli che pensano a Ning come l'esempio già esistente di un approccio di questo tipo, io risponderei che, anche se è indubbiamente uno strumento fantastico per la creazione di comunità, Ning ancora non offre quelle funzionalità e quelle caratteristiche che la renderebbero la mia piattaforma ideale. Nonostante il comprensibile entusiasmo per Ning, dovuto al fatto che è la prima piattaforma distribuita per la creazione di comunità online, penso che l'organizzazione dei contenuti, la navigazione e l'accessibilità ai contenuti siano davvero di scarsa qualità, così come la funzionalità di ricerca, le capacità di discussione e le funzionalità dei blog. Ning insiste molto sul fatto di essere una soluzione web-based ma a contrario di WordPress, non gode del supporto di un'enorme comunità di sviluppatori capaci di fornire nuove funzionalità ed estensioni agli utenti. Credo che Ning debba offrire qualcosa di più dello stato attuale e penso che questo accadrà proprio nel 2009.

Google stesso, con il recente lancio della sua applicazione di tipo social FriendConnect, potrebbe essere il primo a introdurre alcuni servizi e funzionalità davvero innovativi. L'interfaccia simile a MyBlogLog che puoi già attivare sul tuo sito potrebbe essere il punto di snodo per partecipare e per stringere relazioni in maniera nuova con le persone che hanno i tuoi stessi interessi attraverso comunità nate intorno a siti web ma che allo stesso tempo sono portabili, distribuite e decentralizzate.



Twitter

Media_literacy_digest_george_siemens_twitter_logo.jpg

Twitter è uno dei principali responsabili del cambiamento del modo in cui utilizzeremo i social media e se davvero sei interessato a sfruttare le opportunità che i social network possono procurarti, se non l'hai fatto ancora, dovrai iniziare a utilizzare Twitter: scoprirai così le sue enormi potenzialità.

Ma non fare gli stessi errori che altri hanno fatto. Utilizzare i social media non significa rendere pubbliche tutte le conversazioni e dover dire a tutti dove andrai e chi vedrai stasera. Questo è un modo per usarli, ma non l'unico. Twitter e gli altri strumenti simili per la comunicazione danno l'opportunità di creare rete affidabili di contatti che possono rivelarsi la via più veloce ed efficace per condividere notizie interessanti e scoperte, anni luce avanti rispetto ad un qualsiasi altro tradizionale servizio d'informazione.

Più di una volta sono rimasto coinvolto in conversazioni superficiali. In genere giro alla larga da queste situazioni sia nella vita reale sia in quella virtuale. Mi fanno perder un sacco di tempo e le trovo banali, sciocche e caratteristiche di quelle persone che vogliono apparire in pubblico. D'altra parte sono grato a questi strumenti in quanto mi aiutano a rimanere in contatto e a stare virtualmente fianco a fianco con i miei veri amici e contatti, quelli di cui davvero mi interessa qualcosa. Mi piace leggere cosa stanno facendo, sapere un po' della loro vita privata e guardare gli articoli e i suggerimenti che mandano. Non li utilizzo per conversare in sé o per parlare con una qualunque persona che mi faccia una domanda. Li utilizzo principalmente per imparare e scoprire cose nuove, leggere le notizie sulla tecnologia, le voci di corridoio e i consigli della mia rete di contatti. Li utilizzo per aiutare le persone che mi fanno domande sugli argomenti a cui sono appassionato e per cercare nuove idee e suggerimenti da quelli che la pensano in maniera diversa da me.

Il problema è che le persone hanno preso questo gioco dei social media come una competizione tra chi ha più fan o più contatti e nella confusione creatasi alcuni non hanno ancora capito per quale motivo stanno utilizzando questo strumento. Credo che, a seconda di chi tu segua, il limite massimo dovrebbe di 200-300 contatti, specialmente se vuoi davvero riuscire a seguire cosa hanno da dire tutte queste persone.

Se controlli il mio canale su Twitter vedrai che le persone che mi seguono sono dieci volte più numerose di quelle che ho scelto io di seguire. Questo perché, a differenza di quanto faccio su Facebook per esempio, dove mi piace essere aperto e disponibile con chiunque voglia esserlo con me, su Twitter seleziono davvero attentamente chi voglio seguire. Francamente non credo alla regola secondo cui se hai deciso di seguirmi, anche io sono obbligato a seguirti, quindi per me non fa differenza se hai 6500 contatti o 24. Ciò che guardo è che tipo di informazioni condividi con me e che valore hanno hanno tutte queste cose. Quanta più roba interessante e utile condividerai con me, tanto più probabilmente sceglierò di seguirti. E, per questi motivi, se sei sconosciuto ai più e se hai davvero pochi contatti, è anche più probabile che ti seguirò, visto che non mi piace ricevere consigli e apprendere notizie sempre dallo stesso cerchio di persone, che diffondono sempre le stesse storie a ripetizione.

Quindi il 2009 sarà definitivamente l'anno della maturazione sia per Twitter stesso sia per le persone che capiranno più a fondo come utilizzare al meglio queste applicazioni. In questa direzione, durante questo nuovo anno, vedrai la nascita di alcuni fantastici servizi basati su Twitter che ti aiuteranno a gestire in maniera più efficace il flusso dei twit provenienti dai tuoi diversi network e contatti.




Social Media Marketing

smm_heart.jpg

Ciò che capiranno nel 2009 molte aziende è che non si può progettare a tavolino l'utilizzo dei social media. Si può favorirlo, supportarlo, farlo emergere ma fondamentalmente bisogna lasciare che le persone più appassionate trovino da soli il modo migliore per utilizzare questi nuovi strumenti conversazionali.

Social network privati, comunità verticali, soluzioni decentralizzate e portali per social media sono le parole chiave del 2009. Vedrai nascere un sacco di cose nuove in queste aree.

Statistiche migliori. Chiunque ne sta parlando e si possono estrarre davvero moltissime informazioni dai metadati disponibili per le tue attività di tipo social. Non è importante il numero dei fan, amici o contatti che hai, ma ciò che queste persone fanno con le notizie e le scoperte che condividi con loro. Seguono i tuoi consigli e cliccano sui link suggeriti? Diffondono queste stesse cose anche verso i loro amici fidati? Chi sono le persone che seguono i tuoi amici? Chi è in grado di influenzarli? Quali sono gli argomenti e le informazioni che caratterizzano il tuo pubblico? E le tue fonti? Quanto sei bravo a proporre notizie fresche al tuo network o ai tuoi fan?

Trovare le migliori domande e creare strumenti che ti permettano di avere un quadro più ampio dell'universo dei social media può essere davvero fondamentale nel riconoscere gli opinion leader e le persone capaci di influenzare, aldilà dei meri valori numerici.




Social Shopping

Google_Checkout_logo2_b.gif

Il 2009 segna l'ingresso definitivo del social shopping all'interno del mondo del tradizionale eCommerce. Aldilà di ciò che Amazon e eBay hanno mostrato a lungo essere il valore delle raccomandazioni e dei feedback degli utenti, sta iniziando l'anno in cui inizierai ad ottenere benefici più diretti dai consigli e dai suggerimenti della tua rete di contatti personale.

Se fino ad oggi ti sei affidato alle opinioni di utenti sconosciuti che hanno postato il proprio suggerimento nei commenti di un blog o su di un forum, nel 2009 inizierai a vedere come i tuoi contatti personali possano aiutarti a trovare una soluzione a tutte le tue esigenze, per esempio su quale videocamera sia meglio comprare, in maniera molto più efficace ed affidabile rispetto ad un qualsiasi altro approccio.

Sono due le cose che accadranno in quest'ambito:

  1. Nuovi servizi e funzionalità dell'eCommerce miglioreranno la tua capacità di votare, dare un feedback, recensire e raccomandare un qualsiasi prodotto o servizio che hai acquistato online.
  2. L'integrazione del tuo social network e della tua presenza online con molti siti di eCommerce ti permetterà di ottenere consigli e suggerimenti dalle persone che conosci e di cui ti fidi piuttosto che da utenti sconosciuti.

"Nonostante le recensioni dei clienti non siano nuove per servizi popolari di eCommerce come eBay e Amazon, nella maggior parte dei casi i consumatori sfruttano i commenti di persone che non conoscono. Ora grazie a tecnologie di collegamento come Facebook Connect, Google FriendConnect e OpenID, i consumatori potranno leggere le recensioni, le esperienze e le critiche di persone che conoscono e di cui si fidano.

Come risultato vedremo apparire widget e applicazioni per l'eCommerce nei social network più famosi, ma avremo anche la possibilità di entrare nei classici siti di eCommerce con il nostro profilo di Facebook o di Google. Per esempio, la prossima volta che comprerò un portatitle, potrò vedere non solo le recensioni degli autori e dei consumatori, ma saprò anche quale dei miei amici possiede un computer della Apple e cosa ne pensa."
(Fonte: Jeremyah Oywang)




Reputazione Sociale

MasterNewMedia-Twitter-Authority-Nov-2008.gif

Tra tutti gli aspetti social, la reputazione sociale sarà quella che avrà l'impatto maggiore sulla tua vita personale e sull'accesso a nuove opportunità di lavoro. In parole povere, sta per verificarsi un grande cambiamento, dalle credenziali personali basate sugli esami e sulle certificazioni fino all'emergere di un profilo della reputazione personale basato sui commenti spontanei, sulle considerazioni e sui riferimenti dei tuoi colleghi, clienti e datori di lavoro.

Spesso mi capita di vedere persone che mentono sulle proprie esperienze, sulle referenze e sulla carriera per riuscire ad ottenere ciò che vogliono. Come puoi ancora credere ad un CV o ad una presentazione e non cercare informazioni direttamente dalle persone che conoscono e che hanno lavorato con la persona in questione? Come puoi credere che le persone maliziose, pigre o disoneste elenchino queste caratteristiche nel proprio CV e perché dovresti affidarti a credenziali non verificabili quando puoi scoprire la verità impiegandoci davvero poco tempo?

Abitudine... e la mancanza di comprensione che il mondo sta diventando un posto diverso per quanto riguarda la valutazione delle persone. Come funziona per i prodotti e i servizi tecnologici, non hai bisogno di leggere il volantino ufficiale di una nuova videocamera per scoprire se è il tipo di prodotto di cui hai bisogno. Fai una ricerca, compara i modelli e fai le giuste domande ai tuoi amici o alle persone maggiormente competenti che conosci. Poi devi solo cercare su Google la videocamera che ti interessa e vedere cosa hanno detto gli altri utenti sul prodotto stesso. Infine vai al negozio di elettronica all'angolo e chiedi al tuo rivenditore di fiducia se la sua esperienza è basata sulle opinioni dei clienti e sulle vendite del negozio. Questo deve essere il modo per scegliere le persone.

Perché non dovrebbe funzionare allo stesso modo per scelte importanti come la selezione del tuo partner o del tuo futuro dirigente del settore marketing?

Questo è il motivo per cui bisogna sporcarsi le mani con i social media, vivere le contraddizioni di questo nuovo universo ed esporti nelle tante conversazioni che il Web propone: questo è un ottimo modo per prepararti al futuro.

I tuoi certificati e i tuoi diplomi perderanno progressivamente il loro valore e ciò che conterà sarà ciò che diranno le persone di te. Questo è il motivo per cui sarà sempre meno importante avere un certo grado o un riconoscimento in un particolare campo e invece sarà sempre più importante con CHI hai lavorato e confrontato e QUALI sono le cose di valore che hai creato e che gli altri possono vedere.

Se dici di essere stato in posti diversi e fatto diverse cose, ma le tue tracce digitali dicono il contrario, diventerai subito una pupazzo poco credibile che sopravviverà e lavorerà solo all'interno del proprio cerchio di amici e colleghi.

Fino ad oggi, se tu avessi mentito, travisato o nascosto qualcosa delle tue passate esperienze o delle tue referenze, saresti stato solo tu e qualcun altro a possedere queste informazioni. Se invece ora tu facessi una cosa del genere pubblicamente, rispondendo a domande in un video o in un'intervista pubblica, se cercassi di nascondere o di cambiare alcuni fatti a tuo vantaggio, non solo rischieresti moltissimo di perdere la tua credibilità ma se fossi scoperto, non rimarrebbe di sicuro una cosa privata facile da dimenticare.

Per ottenere una solida reputazione sociale devi essere trasparente e aperto. Quanto più nasconderai o mistificherai chi sei realmente, per difendere o proteggere l'idea che hai di stesso (o di chi almeno vorresti essere), tanto più sarà mostrata la verità e anche se i tuoi amici e i tuoi colleghi continuassero a starti accanto, le opportunità di diventare un punto di riferimento e una fonte affidabile potrebbero crollare.

Per le aziende il 2009 sarà l'anno in cui iniziare ad avere una presenza significativa sui social media. In genere, le aziende che hanno già integrato da molto tempo i social media l'hanno fatto in maniera poco corretta e conservatrice. Hanno cominciato ad utilizzare i social media con i loro approcci tradizionali e con i comportamenti tipici della comunicazione, delle PR e del marketing, che è esattamente l'atteggiamento opposto da intraprendere se si vuole essere efficace nel mondo dei social media.

La strategia sbagliata da adottare in queste situazioni è proprio quella di affidare questo compito al tuo migliore PR o agli addetti al marketing, dovresti invece approfittare di quest'opportunità affidandoti ai tuoi dipendenti più appassionati in questo campo. Queste sono le persone con cui i tuoi clienti e i tuoi fornitori vogliono diventare amici e avere a che fare.




Identità Online e Profili Sociali Distribuiti

google-friend-connect.jpg

L'emergere di un profilo sociale e un'identità personale centralizzati.

Il 2009 dovrebbe salvarci dai fastidi che abbiamo sofferto finora, ovvero il dover creare e mantenere profili separati per ogni social network a cui siamo iscritti e di conseguenza il dover ricostruire ogni volta la nostra rete di contatti.

Ciò a cui assisterai in quest'anno sarà la nascita di nuovi strumenti e funzionalità che ti permetteranno di creare un profilo sociale completo e centralizzato di te stesso e della tua rete di contatti e che ti permetteranno di scegliere quali parti del tuo profilo condividere nelle nuove comunità e nei servizi social a cui accederai in futuro.

Questo ti permetterà di risparmiare un sacco di tempo e di evitare molte frustrazioni, diminuendo anche i problemi nel testare e adottare nuovi servizi e strumenti.




X-Event

live-events-strategy-x-events_id252177_size485.jpg

Nel 2009 vedrai anche alcune delle mie personali idee divenire realtà: gli X-Event. Già nel 2008 alcune aziende hanno iniziato a delineare il quadro degli X-event sviluppando strumenti e progetti per la creazione di risorse capaci di facilitare la realizzazione di eventi che vadano oltre i loro limiti fisici.

Gli X-event sono fortemente legati allo sviluppo dei social media e alla capacità delle persone di incontrarsi e di scambiarsi opinioni e idee attraverso i social network e le diverse comunità online. Gli X-event (extended events) possono fornire una piattaforma ideale per estendere il processo di costruzione delle relazioni per cui gli eventi dal vivo sono creati, ma anche per prolungare e diffondere le conversazioni.

Bantora è una delle aziende che lavorando e sta estendendo il paradigma originale degli X-events per cercare di costruire la prima vera piattaforma per questo nuovo genere di eventi.

Questo nuovo tipo di eventi aprirà la strada ad un nuovo approccio per le conferenze virtuali: gli eventi distribuiti. Chi ha detto che per avere un evento fantastico e memorabile dobbiamo tutti essere presenti in un posto e fare tutto da lì? Non potrebbe invece succedere che gli organizzatori di un evento lancino un tema o una serie di argomenti e dopo aggreghino ed elenchino gli eventi ospitati da un sito o da un blog come elementi dell'evento in corso?

Immagina che un'azienda abbia organizzato un evento di tuo estremo interesse dall'altra parte del mondo, al quale non sei stato invitato a parlare. Gli organizzatori potrebbero organizzare una sezione estesa dell'evento in cui elencare ed aggregare gli eventi decentralizzati e le presentazioni complementari all'evento, che potrebbero essere riuniti su una piattaforma preparata per le persone non invitate che vogliono contribuire con le loro idee o che potrebbero essere pubblicati su di un sito scelto personalmente dal presentatore. Questa impostazione permetterebbe una migliore partecipazione e maggiori contributi da moltissime persone e allo stesso tempo richiederebbe solo un piccolo team capace di organizzare e gestire i prodotti finali dell'evento esteso.




Open Source

opensource_logo.gif

E' la prima volta che includo l' "open source" come un tema rilevante per queste previsioni per i nuovi media. Da WordPress a BlogBridge, gli strumenti e le applicazioni open source fanno sempre più parte della mia vita lavorativa e divento ogni giorno di più un sostenitore dei benefici e dei vantaggi di questi servizi rispetto alle tradizionali soluzioni commerciali

Gli strumenti di un editore online professionale potrebbero essere interamente open source, eccone alcuni esempi:

e potrei ancora andare avanti.

Se ritieni che il Free Software e i principi dell'Open Source ideas possano aiutarti a creare le basi migliori per il futuro, adottare, contribuire e promuovere l'uso di questi strumenti potrebbe fornire un sostegno concreto ai tuoi ideali.

Anche se questa non è propriamente una previsione, credo che i fan dell'open source dovrebbero diventare più aperti e decisi nel sostenere i veri benefici di questi strumenti, invece che continuare a isolarsi dalle conversazioni pubbliche. Come succede per Linux, credo che ci sia bisogno di minori discorsi autoreferenziali e di un atteggiamento più umile, aperto e amichevole per diffondere tutti i vantaggi di questa fantastico approccio cooperativo alla vita e al lavoro.




Peer to Peer

p2p-cooperation-id5561121_size480.jpg

Il 2009 sarò l'anno in cui saranno rilasciati nuovi strumenti e applicazioniP2P. Il P2P continuerà a crescere e sarà sempre più adottato. Dal file sharing alla distribuzione dei contenuti, le tecnologie P2P offrono una serie di vantaggi e opportunità ancora non comprese e sfruttate a pieno da quei soggetti commerciali che invece vorrebbero approfittarne.

Le tecnologie peer to peer sono anche la naturale estensione dei social network collaborativi e del bisogno di decentralizzare il monopolio della pubblicazione e della condivisione delle informazioni dalle mani delle grandi aziende.

Credo che ci saranno anche nuovi tentativi di creare reti parallele P2P o reti alternative di supporto che riuscirebbero a connettere le persone nel momento in cui e se Internet non fosse capace di soddisfare le loro richieste. Esistono già alcuni esempi funzionanti di queste reti parallele e alcune persone davvero brillanti sono al lavoro per rendere tutto questo possibile.




Collaborazione Online

person-at-computer-collaboration-tools_id380635_size480.jpg

Gli strumenti per la collaborazione online, dagli strumenti per videoconferenze agli spazi per la collaborazione permanenti, devono ancora raggiungere la piena maturità e il 2009 offrirà ancora una volta l'opportunità ai nuovi soggetti di entrare nel mercato e a quelli già esistenti la possibilità di rinnovarsi profondamente e di migliorare ancora il proprio lavoro.

Le tradizionali piattaforme per le conferenze sul Web hanno dato il via ad un sacco di nuovi strumenti semplici, veloci e facili da usare. Si è passati da applicazioni pesanti e complesse a soluzioni più snelle e modulari. I prezzi dei servizi di collaborazione e di webconferencing delle migliori aziende sono calati progressivamente e secondo me dovranno ancora diminuire ancora un po' per competere con questo gruppo emergente di piccoli ma fantastici strumenti per la collaborazione online. Se non hai idea di che cosa sto parlando, dai un'occhiata agli oltre 200 strumenti per la collaborazione che sono stati suggeriti da più di 150 persone durante il mio intervento al LearningTrends 2008.

Non credo che il numero degli strumenti descritti in questa mappa diminuirà nel corso di quest'anno.

Vedrai invece l'ingresso nel mercato di nuovi e migliori strumenti per le presentazioni, per le videoconferenze e per la collaborazione online, visto che c'è una crescente domanda di questo tipo di servizi e che le soluzioni esistenti sono spesso ancora troppo rozze, non affidabili e difficili da usare per le persone poco esperte.

Le novità degli strumenti per la collaborazione online che vedrai nel 2009 saranno:

La struttura ideale della collaborazione è modulare e estremamente flessibile: ti iscriverai a un servizio e attiverai le funzionalità collaborative di cui hai bisogno totalmente on-demand. Questa struttura sarà contestuale e adattata al tipo di lavoro e agli strumenti che utilizzi ogni giorno, in maniera simile a quanto farà Google nel 2009 grazie al suo approccio integralmente web-based.

Il modello di business vincente corrisponde alla suddivisione tra servizi base gratuiti e account premium a pagamento con funzionalità avanzate, orientate al business. I periodi di prova fanno ormai parte del passato. Ora invece i fornitori di servizi collaborativi si comporteranno in maniera proattiva verso i clienti che inviteranno altri nuovi utenti, regalando in cambio account gratuiti o funzionalità avanzate. Questa potrebbe essere un'altra strategia vincente.

Adobe Flash sarà la tecnologia fondamentale alla base di tutti questi nuovi strumenti. Che ti piaccia o no, Flash è in questo momento la migliore tecnologia multimediali portabile, capace di supportare testi, audio, video e funzionalità interattive per la collaborazione all'interno del suo motore. Le annunciate e a breve disponibili capacità di gestire le diverse richieste di banda in maniera intelligente così come le capacità di trascrizione automatica dei testi potrebbero essere la prova dei benefici che Flash è in grado di offrire per ogni tipo di utente.




Il Progetto Delle Conferenze Virtuali Continue

virtual_worlds_main.jpg

Nel 2009 ci sarà un luogo dedicato alle conferenze virtuali continue con centinaia di speaker e di argomenti affrontati sia in diretta che in maniera asincrona attraverso contenuti registrati. Sarà una specie di YouTube di interessanti interventi in diretta. Chiunque potrà prenotare uno dei posti liberi per parlare ma sarà il pubblico a decidere chi deve essere scelto e chi merita la maggiore promozione e visibilità.

Questo palcoscenico per le conferenze offrirà probabilmente diversi canali tematici e quindi l'opportunità per qualunque persona abbia buone idee e capacità di esposizione di far conoscere i propri pensieri a un pubblico potenzialmente illimitato, proprio come su YouTube.

Adobe o Microsoft potrebbero essere gli sponsor ideali di un progetto come questo ma potrebbe accadere anche che una piccola azienda capace di muoversi in maniera rapida rubi l'opportunità a queste grandi corporation. Ancora meglio un'istituzione accademica potrebbe organizzare e sostenere questo progetto, magari con il supporto di una grande azienda per la costruzione della piattaforma operativa, con l'intento di creare un luogo unico in cui coltivare la conoscenza, la cultura e qualsiasi tipo di idea.

Credo anche che nel 2009 gli approcci collaborativi e i nuovi strumenti continueranno a mostrarci novità nelle altre importanti aree dell'universo dei media come la produzione e le performance musicali, la produzione televisiva, dei film e dei video, l'informazione, la produzione di news e di report, l'organizzazione delle redazioni.




Educazione e Apprendimento

social_software_learning.jpg

Come ho già detto da qualche altra parte, il 2009 segnerà la nascita degli educatori professionali indipendenti. Queste sono le persone che, senza l'esigenza di avere un riconoscimento ufficiale, vogliono condividere le loro conoscenze e le loro capacità con gli altri secondo termini e condizioni stabilite da loro stesse.

Ci sono molte persone che sul Web già fanno questo, alcune sono mosse da motivazioni formative, altre da interessi commerciali e altre dal semplice desiderio di voler condividere ciò che hanno scoperto da sole. Ciò che sta cambiando in questo momento è la consapevolezza del fatto che le persone capaci di fare tutto questo, qualunque sia la natura delle loro conoscenze, diventeranno sempre più utili e ricercate dagli altri utenti.

Quindi, anche se non è molto ciò che sai, ma quanto di ciò che sai puoi condividere e insegnare agli altri in maniera efficace?

Conoscere le cose di per sé e possedere molte informazioni senza avere la capacità di poter organizzare tutto in una forma utile avrà sempre meno valore nella maggior parte delle occasioni professionali. Ciò che invece assumerà sempre più valore sarà la tua capacità di cercare e trovare risorse, strumenti e informazioni rilevanti su ogni argomento nel momento esatto in cui ne avrai bisogno.

Nuovi strumenti e servizi in grado di servire questo ruolo emergente appariranno proprio nel corso del 2009. Ottimi esempi sono i nuovi servizi come Wiziq e BuddySchool che forniscono a chiunque una piattaforma per condividere, presentare e insegnare con il proprio metodo e approccio preferiti.




Riconoscimenti ed Esami

media_literacy_george_siemens_certificate_emerging_technologies_learning.jpg

I riconoscimenti e gli esami perderanno progressivamente il loro valore. Ciò che invece conterà sarà ciò che hai fatto e ciò che le altre persone dicono di te, in un senso o nell'altro.

Quale università hai frequentato e con quale voto ti sei laureato saranno informazioni sempre più irrilevanti, visto che la capacità di saper affrontare nuovi problemi, di collaborare in maniera efficiente con le altre persone, di comunicare in maniera chiara ed efficace le tue idee diventerà una caratteristica molto più importante del numero degli anni che hai passato a studiare.

Chi conosci, con chi hai lavorato e chi vuole raccomandare le tue capacità sono gli asset strategici che dovresti iniziare a coltivare di più nel corso di questo nuovo anno.

Gli esami e i riconoscimenti misurano la tua abilità nel rispondere a domande predeterminate e servono per vedere se hai memorizzato correttamente le informazioni su un particolare argomento.

I test sono invece inutili per misurare come ti comporterai in una situazione della vita reale e questo è il motivo per cui penso che siano inutili per costruire il proprio futuro. Abituando i nostri bambini non ad imparare come gestire gli aspetti complessi di un problema ma ad indovinare in anticipo le domande di un esame, riduciamo drasticamente le loro capacità creative e accertiamo in anticipo la loro incapacità di confrontarsi con un mondo complesso e in continuo cambiamento com'è quello in cui viviamo.




Cosa Farò Nel 2009

robingood-thinker-2009-future.jpg

Per prima cosa, ho deciso che nel 2009 cercherò di comprendere quali sono le direzioni intraprese in molti campi intervistando le persone capaci di vedere più avanti di altre. Le video interviste e le analisi di come le altre persone affrontano le cose saranno un tema centrale di MasterNewMedia nel 2009. Diventare il boss di te stesso e come altre persone hanno raggiunto con successo quest'obiettivo sarà il filo conduttore di questa serie di video interviste.

Come ho già annunciato nella seconda parte di questo report entro la fine di questo mese lancerò il nuovo design di MasterNewMedia (puoi vedere una piccola anteprima sempre nella seconda parte del report), invece stiamo ancora pensando alla migliore via per far nascere una comunità internazionale di fan e lettori di Robin Good. Non sono pienamente soddisfatto dalle tradizionali soluzioni per forum e dagli strumenti attualmente disponibili per la creazione di comunità online. Sono sicuro che presto troverò i giusti strumenti per realizzare tutto questo.

Per come la vedo io, sarà un mashup tra ciò che posso fare attraverso i commenti dei blog, un forum, una piattaforma per la creazione di comunità come Ning, una versione localizzata di Seesmic, una versione orientata alle comunità di Twitter, tutto sotto forma di un servizio distribuito simile a Facebook per creare uno spazio ricco e ben organizzato per una comunità che possa esistere sia sul mio sito così come in ogni altro luogo scelto da me o dagli altri utenti.

Sul fronte dei video tornerò ad offrire show video in diretta, focalizzati sulla mia area di interesse, ovvero l'editoria online professionale.

Nell'anno appena trascorso non ho potuto fare tutto quello che avrei desiderato a causa dei molti problemi di connessione che ho avuto nel mio ufficio a Roma. Ho bisogno di una connessione veloce e affidabile, non mi importa quanto costerà, e ho bisogno di qualcuno che abbia le giusto conoscenze per riconfigurare e aggiornare la mia piccola rete in ufficio, in modo che non ci siano intasamenti o perdite di dati. Scommetto che eliminando tutti questi problemi riuscirò ad ottenere le condizioni a lungo attese per condividere meglio le mie conoscenze e aiutare gli altri editori online.

Nel 2009 sperimenterò anche il lancio di alcuni info-prodotti e servizi di formazione connessi ovviamente alla mia attività di web publishing professionale e continuerò nella ricerca di nuovi candidati per il mio programma di internship sui nuovi media.

Credo che si possa parlare ancora a lungo delle cose che vedremo in questo nuovo anno... ma per il momento penso di poter terminare qui.

I tuoi feedback, commenti, consigli e suggerimenti sono sempre i benvenuti.



(leggi la Prima Parte e la Seconda Parte del report)

 

Scritto da per MasterNewMedia.
 
 
 
 
 
Commenti    
blog comments powered by Disqus

 

 

 

 

14634
 

 

Risorse Consigliate

 

 

I Toolkit di Robin


 









 

 

 

 

  • RSS Feed

          Mail
    Nome:
    Email:
     



     
     

     

    Web Analytics