MasterNewMedia Italia
Scopri i migliori tool per comunicare,
collaborare e fare marketing
   
Curated by: Luigi Canali De Rossi
 


17 gennaio 2009

Advertising Exchange: Come Aprire Il Tuo Catalogo Pubblicitario Alle Offerte In Tempo Reale - I Migliori Ad Exchange Recensiti

Se i network pubblicitari non bastano a vendere tutto il tuo catalogo pubblicitario, gli ad exchange ti possono aiutare a massimizzare i tuoi guadagni. Semplicemente, gli ad exchange funzionano in maniera simile alle aste: permettono infatti a chi compra di fare un'offerta per il tuo catalogo pubblicitario e la domanda finale ne determinerà il prezzo.

ad-exchange-recensioni.jpg
Photo credit: Travel Aficionado immagine modificata da Davide Fotia

Per poter vivere come editore online indipendente devi saper fare una cosa in maniera perfetta: monetizzare i tuoi contenuti. Google AdSense è il punto d'inizio per molti editori online, perché è molto semplice da utilizzare. Ma come puoi essere certo che stai ottenendo il massimo dal tuo catalogo pubblicitario?

Far parte di un network pubblicitario verticale è una buona idea. Ma il problema è che anche se fai parte di un buon network pubblicitario, difficilmente riuscirai a vendere ogni volta tutto il tuo catalogo pubblicitario e, tra l'altro, non esiste un modo semplice per sapere se lo stai sfruttando al massimo.

I network pubblicitari giocano un ruolo importante nel far conoscere gli editori online e gli inserzionisti. Ma dato che i network pubblicitari non coprono l'intero mercato (es: qualsiasi network lavora solo con una piccola percentuale degli inserzionisti e degli editori, piuttosto che con l'intero mercato), di fatto possono limitare il margine di profitto, perché offrono una domanda e un'offerta limitate. Per gli editori che combinano insieme le catene dei network pubblicitari, stabilire le priorità del proprio catalogo per i diversi network può rivelarsi un compito gravoso. E non è garantito che la strategia utilizzata sia quella più efficiente.

Questo è il punto in cui gli ad exchange entrano in gioco. In queste aste tutti i protagonisti del mercato (inserzionisti, editori e network) sono connessi attraverso una piattaforma comune. Se il tuo spazio pubblicitario non può essere venduto al prezzo da te stabilito, viene messo all'asta. Tu imposti il limite di offerta minimo e dopo semplicemente entra in gioco il meccanismo di domanda e offerta. Tutti gli inserzionisti possono accedere e competere in tempo reale per aggiudicarsi i tuoi spazi pubblicitari: ovviamente vince l'inserzionista con l'offerta più alta. Questo processo rinizierà da capo per ogni nuovo spazio pubblicitario disponibile.

Attualmente, sembra che gli ad exchange vengano utilizzati solo per gli spazi pubblicitari invenduti. Ma il reale potenziale degli ad exchange non sta solo nel fatto che ti permette di massimizzare il guadagno degli spazi invenduti, ma nel rendere completamente disponibile il tuo catalogo per le offerte in tempo reale.

Se non hai mai pensato di utilizzare un ad exchange e se non sai da dove iniziare e cosa cercare, qui potrai trovare tutte le informazioni utili.

In questo articolo ho riunito insieme tutti i maggiori servizi di ad exchange (AdBrite, ADSDAQ di ContextWeb, RightMedia Exchange di Yahoo e DoubleClick Advertising Exchange) di Google - con alcune new entry del mercato - TRAFFIQ e Turn - per comparare le diverse caratteristiche e capacità.

Se stai cercando il modo per migliorare la monetizzazione del tuo sito web e stai accarezzando l'idea ti aprire il tuo catalogo pubblicitario alle opportunità fornite dalle offerte in tempo reale, potrai trovare alcune informazioni utili in questa guida.

 

 

Ad Exchange - Recensione

Gli ad exchange qui recensiti sono stati selezionati perché permettono agli editori online indipendenti di proporre in maniera diretta il loro catalogo di annunci.




  • AdBrite

    ad-exchanges-review-adbrite.jpg

    AdBrite riunisce più di 45.000 editori online, inclusi nomi importanti come LinkedIn e Drudge Report, ma anche migliaia di piccoli editori di nicchia, oltre 7.000 inserzionisti tra cui Verizon e la US Navy. In più, AdBrite ha un accordo con più di 20 network pubblicitari per garantire un mercato dinamico nel commercio degli annunci.

    Ogni annuncio pubblicato viene servito sulla base dell' eCPM (effective CPM). Quindi non importa se l'annuncio servito è di tipo CPM, CPC o CPA, tutti gli annunci vengono convertiti in eCPM per determinare quello più proficuo per l'editore. Ogni volta che una pagina viene visitata, AdBrite calcola le statistiche e la posizione geografica dell'utente, il contesto della pagina e altri fattori e indice un'asta per tutti gli inserzionisti interessati.

    AdBrite può essere integrato con altre piattaforme per la gestione degli annunci. AdBrite inoltre ti fornisce i classici display ad, annunci multimediali, annunci testuali (simili a quelli di Google AdSense) e intere pagine pubblicitarie.

    Gli editori online hanno il completo controllo degli annunci visualizzati. Puoi visualizzare e se necessario rimuovere qualsiasi annuncio prima o dopo l'effettiva pubblicazione sul tuo sito web. Inoltre, per massimizzare i guadagni, puoi impostare il tuo personale prezzo di riserva. Per esempio, se pensi di poter ottenere un CPM di minimo 2 dollari per uno specifico spazio pubblicitario, puoi impostare questa cifra come prezzo di riserva. Se AdBrite non supera il prezzo di riserva, il tuo network pubblicitario secondario (Google AdSense o un altro qualsiasi) riempirà gli spazi con i suoi annunci. In più puoi personalizzare l'aspetto degli annunci in modo che siano coerenti con il design del tuo sito web.

    Caratteristiche Uniche: Solo inserendo qualche riga di codice HTML di AdBrite, ogni editore può decidere di pubblicare banner, annunci multimediali, annunci testuali, annunci "inline" (parole con doppia sottolineatura che visualizzano un annuncio pubblicitario rilevante al passaggio del mouse) e annunci a tutta pagina. Inoltre, AdBrite InVideo ti permette di inserire annunci nei video, BritePic invece ti permette di fare la stessa cosa con le immagini.

    Tutte le funzionalità di AdBrite sono da subito a disposizione di chiunque, attraverso l'interfaccia self-service di http://www.adbrite.com/.





  • ADSDAQ

    ad-exchanges-review-adsdaq.gif

    Sin dalla sua nascita, avvenuta nel 2005, il servizio di ad exchange ADSDAQ (pensa ad un NASDAQ per gli annunci) era basato sul prezzo di offerta CPM. ADSDAQ offre una piattaforma self-service per gli editori, che permette ai piccoli soggetti di trarre vantaggio dalle dinamiche di mercato per vendere il proprio catalogo pubblicitario.

    L'ad exchange riunisce insieme più di 7.000 editori, tra cui 100 dei 250 siti web di comScore, Fox News, Accuweather, Belo Interactive Media e molti altri siti di nicchia, agenzie pubblicitarie, tra cui Digitas and Modem Media (Publicis), Agency.com (Omnicom) e più di 350 inserzionisti, tra cui alcuni dei maggiori soggetti del settore automobilistico, turistico, farmaceutico, finanziario, assicurativo ed elettronico.

    ADSDAQ vende solo annunci di tipo display. Supporta inoltre le dimensioni standard stabilite dallo IAB e fornisce sia gli annunci grafici standard sia quelli arricchiti da diversi contenuti multimediali.

    Se ADSDAQ non può coprire l'intero catalogo dell'editore al prezzo di riserva, permette alle singole persone di specificare un network secondario come BURST, Tribal Fusion, Google AdSense e altri servizi simili per vendere gli spazi rimanenti.

    Tuttavia, ADSDAQ si propone come un ad exchange come soluzione primaria per i cataloghi pubblicitari, non per gli spazi rimanenti. Dato che gli editori possono impostare il prezzo di riserva CPM, ADSDAQ diventa un servizio di primo livello per i cataloghi pubblicitari rispetto agli altri network rimanenti.

    Caratteristiche Uniche: Una delle peculiarità di ADSDAQ è che si focalizza sulle relazioni dirette tra agenzie pubblicitarie, inserzionisti e editori piuttosto che lavorare con i network pubblicitari esistenti come fanno gli altri ad exchange.

    Contatta uno degli addetti di ADSDAQ per maggiori informazioni attraverso http://exchange.contextweb.com/sellingdesk/





  • DoubleClick Advertising Exchange

    ad-exchanges-review-doubleclick.jpg

    Comprato da Google nel 2007, DoubleClick riunisce insieme i maggiori editori presenti sul Web, le migliori agenzie pubblicitarie, alcune delle 500 aziende segnalate da Fortune e le nuovi soggetti emergenti nel settore. In più, DoubleClick lavora anche con i network pubblicitari per garantire a tutti un ambiente di mercato dinamico.

    Anche se DoubleClick tende a focalizzarsi sugli editori maggiori, ma i piccoli editori di nicchia possono comunque utilizzare la piazza di mercato per vendere il loro catalogo pubblicitario.

    DoubleClick Advertising Exchange cerca di massimizzare il guadagno di ogni singola impression per i propri editori online, permettendo ai venditori di collocare il proprio catalogo al massimo livello di rendimento, rendendo obsoleta la distinzione tra cataloghi "premium" e "non-premium" (i cosiddetti rimanenti). Gli editori otterranno sempre i gli annunci più proficui presenti sul mercato.

    DoubleClick Advertising Exchange ora supporta la compravendita di tutti formati standard di display advertising. Tuttavia, l'ad exchange è progettato per supportare un vasto catalogo pubblicitario: annunci grafici, video e perfino per i videogiochi.

    L'advertising exchange è fortemente integrato con la piattaforma per la gestione degli annunci DART di DoubleClick, permettendo così la massimizzazione dei guadagni per i venditori attraverso i canali di vendita, gli annunci condivisi, gli inserzionisti, le Spotlight Tags e la focalizzazione dei diversi pubblici. Assegnazione dinamica: DoubleClick Advertising Exchange determina automaticamente per gli editori come generare il maggiore ritorno per ogni impression assegnando dinamicamente il canale di vendita di maggior profitto.

    Gli editori online possono controllare quali impression vengono vendute, quali annunci pubblicare e che prezzo. DoubleClick Advertising Exchange fornisce un singolo conto per tutte le transazioni: in questo modo riceverai il pagamento finale di tutti gli annunci pubblicati, indipendentemente dal numero degli inserzionisti.

    DoubleClick non si integra con le altre piattaforme in maniera semplice, ma se utilizzerai la piattaforma di gestione degli annunci DART l'integrazione sarà molto più fluida.

    Per registrarti a DoubleClick, devi contattare un addetto attraverso http://doubleclick.com





  • Right Media Exchange

    ad-exchanges-review-rightmedia.gif

    Right Media Exchange è considerato il padre fondatore degli ad exchange. Fondato nel 2005 e comprato da Yahoo nel 2007, Right Media Exchange lavora con editori di primo livello come Tickle, Looksmart, Fox, (ovviamente) Yahoo! e con migliaia di altri piccoli editori di nicchia. Sul fronte dell'advertising, Right Media lavora con le migliori 10 agenzie pubblicitarie americane e con una serie di network pubblicitari, tra cui Revenue Science e Adtegrity.

    Right Media facilita le transazioni per tutti gli annunci testuali, grafici e multimediali approvati dallo IAB.

    Right Media fornisce una serie di meccanismi di classificazione e di protezione sia per i venditori che per i compratori. Gli annunci possono essere filtrati in base a circa 160 criteri. Inoltre, prima che ogni annuncio venga pubblicato, viene analizzato da processo di revisione meccanico e umano, per evitare che annunci pericolosi accedano all'asta e finiscano sul tuo sito web.

    Come la maggior parte degli ad exchange qui recensiti, Right Media ottiene il suo profitto prendendo una parte di ogni transazione conclusa tra network pubblicitari e editori online.

    Caratteristiche Uniche: Right Media mette a disposizione degli sviluppatori esterni le proprie API. Queste permettono alle diverse aziende di integrarsi in maniera migliore e di sviluppare nuovi strumenti per la compravendita di annunci, creando di fatto una serie di nuovi servizi di valore a disposizione di tutta la comunità di inserzionisti ed editori.

    Per registrarti a Right Media Exchange, vai su https://direct.rightmedia.com/tour/index3.php





  • TRAFFIQ

    ad-exchanges-review-traffiq.gif

    TRAFFIQ è una new entry nel settore degli ad exchange, ma è stato selezionato per la classifica Silicon Alley Insider 25, che premia le migliori startup digitali. TRAFFIQ è una piattaforma automatizzata progettata per aiutare gli editori di tutte le dimensioni a vendere il proprio catalogo pubblicitario agli inserzionisti.

    A partire dal lancio avvenuto nell'agosto 2007, TRAFFIQ ha riunito insieme 1.500 brand, editori di nicchia e più di 400 agenzie e inserzionisti pubblicitari di primo livello. I partner di TRAFFIQ includono la maggior parte dei 1000 inserzionisti selezionati da Fortune, inserzionisti di media grandezza, editori affermati e di nicchia, tra cui: Federated Media, Healthcentral.com, Sky Sports, PerezHilton e altri ancora.

    Utilizzando TRAFFIQ gli editori possono creare vetrine commerciali del proprio sito, ma anche categorie e raggruppamenti e suddividere il proprio catalogo pubblicitario in base alle nicchie e alle pagine web altamente focalizzate. TRAFFIQ offre anche il completo tracciamento delle conversion: questo permette agli editori di seguire il comportamento degli utenti sul proprio sito, di ottenere così una maggiore comprensione del ruolo del proprio catalogo rispetto agli altri punti di contatto e infine di concordare il prezzo dei propri spazi pubblicitari

    Dato che TRAFFIQ permette agli editori di descrivere in maniera molto flessibile il proprio pubblico, gli inserzionisti possono scegliere il tuo catalogo pubblicitario in base alle loro personali esigenze. Gli inserzionisti sono in questo modo soddisfatti perché possono lanciare campagne pubblicitarie fortemente focalizzate, sicuri che gli annunci saranno pubblicati su un elenco di siti pre-approvati. Gli editori online invece ne traggono un vantaggio perché gli annunci sono fortemente rilevanti per i propri contenuti.

    Come DoubleClick, TRAFFIQ gestisce tutte le transazioni e invia agli editori un solo conto finale, invece che mandarne uno per ogni inserzionista. E come gli altri ad exchanges qui recensiti, la registrazione al servizio di TRAFFIQ è totalmente gratuita, mentre i venditori dovranno versare una percentuale fissa sugli annunci venduti.

    Caratteristiche Uniche: Utilizzando le vetri commerciali degli editori, TRAFFIQ funziona come una specie di mercato del futuro, permettendo agli editori di vendere gli spazi pubblicitari con diversi mesi di anticipo.

    Per saperne di più su TRAFFIQ, vai su https://itx.traffiq.com/register/default.aspx





  • Turn

    ad-exchanges-review-turn.jpg

    Turn Smart Market è un'altra new entry nel settore degli ad exchange. Turn si focalizza sugli editori di medio e di alto livello, con un minimo di 10.000 impression mensili. Ma tecnicamente qualsiasi editore può entrare nel mercato, indipendentemente dalle dimensioni, ciò che conta è se il sito è ben progettato e se è focalizzato su una nicchia particolare.

    La console web-based di Turn per gli editori permette di controllare gli inserzionisti, i formati degli annunci e l'effettiva distribuzione degli annunci sul tuo sito web.

    Turn fornisce un conto finale e un'interfaccia di pagamento per tutte le transazioni, riceverai quindi un pagamento singolo per tutti gli annunci pubblicati nell'arco di 30 giorni.

    Turn Smart Market è un'asta basata sulla "classificazione del guadagno", nella quale vince l'annuncio con l'eCPM (effective CPM) previsto più alto.

    Per avere maggiori informazioni su Turn, visita http://www.turn.com/corp/publishers/publishers-overview.jsp



N.B.: Un ad exchange che avrei voluto inserire in questa guida è AdECN di Microsoft. Nonostante AdECN sia uno dei maggiori ad exchange, il servizio di Microsoft offre l'accesso solo ai network pubblicitari, agli inserzionisti, ai broker e alle agenzie pubblicitarie.Secondo quanto sostiene il sito, per rimanere "neutrale e non competere con i suoi membri, AdECN non lavora direttamente con gli inserzionisti o con gli editori". Visto che AdECN non permette agli editori l'accesso diretto al servizio, AdECN non è stato incluso nelle recensioni.




Conosci qualche altro ad exchange da suggerirci? Vorresti condividere con noi le tue esperienze con uno degli ad exchange recensiti? Lascia pure un commento qui sotto.

 
 
 
 
 
Commenti    
blog comments powered by Disqus

 

 

 

 

14640
 



 

Risorse Consigliate

 

 

I Toolkit di Robin


 









 

 

 

 

  • RSS Feed

          Mail
    Nome:
    Email:
     



     
     

     

    Web Analytics