MasterNewMedia Italia
Scopri i migliori tool per comunicare,
collaborare e fare marketing
   
Curated by: Luigi Canali De Rossi
 


Last updated: Tuesday, May 2, 2006

PowerPoint Presentation: I Font Serif E Sans Serif In Una Presentazione Online

Oggi impareremo quali sono le differenze tra queste due famiglie di caratteri. Le serie complete di caratteri (in Inglese: Font) sono variazioni specifiche (come il corsivo, il grassetto, il Roman) di un tipo di carattere (in Inglese: Typeface). Times è un carattere (Typeface). Arial è un altro carattere. Arial bold (Arial grassetto) è una serie completa di caratteri (Font).

lettere.jpg

Photo Credit: coolmilo

Ad esempio, la famiglia di caratteri Helvetica include più di 30 serie complete di caratteri, tra cui Helvetica, Helvetica Condensed, Helvetica Compressed, Helvetica Extended, Helvetica Black, Helvetica Light e molti altri, derivati dalla declinazione di ognuno di questi stili con quello semplice (Roman), corsivo (obliquo), grassetto e corsivo grassetto.

Tecnicamente, ognuno di questi è un carattere diverso.

I caratteri possono essere suddivisi in due categorie generiche visuali: "Serif" e "Sans Serif".

I caratteri Serif hanno riccioli, piccole appendici alla fine di ogni lettera. Dal dizionario online Merriam-Webster: "qualsiasi linea corta che fuoriesce dalle estremità di una lettera". Queste appendici hanno lo scopo di aiutare l'occhio del lettore a leggere in sequenza le lettere.

Di solito i caratteri Serif sono usati nei quotidiani e nei libri, quando il testo è piccolo e stretto.

I caratteri Serif includono: Times, Palatino, Garamond, Century Schoolbook, Book Antiqua e tutti gli altri caratteri contenenti piccole appendici alle loro estremità.

I caratteri Sans Serif (dal Frances: "Sans" significa senza) sono tutti quelli che hanno lettere con linee dritte e non hanno riccioli, né appendici.

Le forme delle loro lettere sono pulite, chiare e definite. Normalmente si usano per i titoli, le didascalie, i fumetti e, in generale ogni volta che non c'è molto testo e la leggibilità è una questione importante. I caratteri Sans Serif sono molto più leggibili di quelli Serif.

I caratteri Sans Serif includono: Arial, Elvetica, Futura, Tahoma, Avant-Garde, Univers, Century Gothic, Verdana e tutti quei caratteri con lettere ben definite.

Quando state per scegliere il carattere per la vostra presentazione, ricordatevi sempre la distinzione tra Serif e Sans Serif. E' preferibile usare i caratteri Sans Serif per i titoli, per le caselle di testo ed ogniqualvolta che la vostra presentazione dev'essere ben leggibile anche da lontano.

Come regola generale che potreste trovare utile, quando dovete scegliere un carattere, ricordate sempre che non tutti i caratteri possono non essere correttamente visualizzati su diversi sistemi operativi (ad esempio Windows, Mac o Unix), con diverse stampanti (laser, o a getto d'inchiostro, per esempio) o con diversi browser (Internet Explorer e Netscape Navigator).

Un esempio per semplificare le cose: ho installato sul mio computer portatile alcuni caratteri "particolari", presi, ad esempio, da Corel o Adobe, li vedo in un menu a tendina e sono nella lista standard dei miei caratteri.

Se creo una presentazione usando quei caratteri "particolari" e la mostro su di un altro computer, o la voglio stampare con una stampante standard, potrebbe accadermi di non vedere il carattere che ho scelto. Il sistema operativo o la stampante stessa potrebbero aver sostituito quel carattere con un altro carattere standard.

Per evitare questo, scegliete il vostro carattere dalla "lista universale": Arial, Verdana, Tahoma per la famiglia Sans-serif, Times New Roman, Garamond, Century Schoolbook per la famiglia di caratteri Serif. Tenete presente, inoltre che questa regola vale anche per gli elenchi puntati o numerati.

 
 
 
Commenti    
blog comments powered by Disqus
 
posted by on Thursday, September 22 2005, updated on Tuesday, May 2 2006

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons License.

4079

 

Web Analytics