MasterNewMedia Italia
Curated by: Luigi Canali De Rossi
 


8 aprile 2010

News Online E Strategie Di Distribuzione: Content Curation E User Syndication In Arrivo

Quale futuro e quali opportunità attendono l'informazione online? "Dopo oltre un quinquennio in cui Wikipedia ha costruito sia suoi contenuti sia il suo marchio come una fonte "pronta all'uso" per informazioni sempre aggiornate, focalizzate sull'argomento che dominassero le pagine di ricerca, grazie ad alcune persone nel business dell'informazione appare chiaro che forse un modello di business esiste anche lì."

News_Online_Strategie_Distribuzione_Content_Curation_User_Syndication_08042010.jpg

Photo credit: juliengron

Esperto di contenuti multimediali e autore di Content Nation John Blossom analizza i recenti movimenti dell'AP e i campi in cui si trovano le reali opportunità che consentirebbero di cambiare il destino dell'informazione online.

"Ciò che è necessario....per il successo delle agenzie di informazione nella distribuzione dei contenuti online è un sistema che ne incoraggia la diffusione attraverso i canali più efficaci e popolari disponibili in qualsiasi momento.

Invece di ostacolare il tuo pubblico, autorizza e incoraggia chi ne fa parte a diventare distributore dei tuoi contenuti - permettendo loro anche di trarne profitto."

Due sono in realtà i suggerimenti strategici chiave che John Blossom dà in questo articolo:

  1. Sfruttare la portata della comunicazione virale e il potere distributivo degli utenti invece dei vecchi e costosi sistemi di distribuzione di notizie.
  2. Conoscere il valore della cura dei contenuti e del newmastering.

"...l'informazione di oggi - e di domani- deve essere capace di raccogliere i migliori contenuti da qualsiasi fonte...."
"Puoi avere un contenuto originale, ma sicuramente l'originalità da sola non porta al successo. E puoi avere conferma di questo osservando come i fornitori di notizie in campo finanziario hanno bisogno di raccogliere contenuti da varie fonti in modo da placare la fame di informazioni dei decision-maker di questo settore.
"

 

 

Maledizione, Perché Non ci Hanno Pensato Prima? Le Aziende Dei New Media si Adattano ai Punti di Valore Online

di John Blossom




La Strategia Dell'AP Per il Confezionamento Ottimale Delle Notizie

online_news_distribution_and_licensing_strategy_content_curation_is_next_the_ap_strategy_for_premium_packaging_of_online_news_content_id173530.jpg

Mi ha fatto un po' sorridere la recente intervista su Poynter Online di Jimmy Wales della Wikimedia Foundation, in cui parla di una nota interna che ha ricevuto l'Associated Press (PDF) da parte del Nieman Journalism Lab.

La nota dell'AP intitolata ''Protect, Point, Pay - An Associated Press Plan for Reclaiming News Content Online'', parla di svariati argomenti già familiari per chi segue gli sforzi fatti dall'AP per arrivare ad una presentazione ottimale delle notizie.

Tuttavia tale nota, oltre che evocare vecchie preoccupazioni, per esempio sulle forze concorrenziali tra Google e gli altri motori di ricerca, evidenzia anche come milioni di schede tematiche presenti su Wikipedia catturino traffico nel momento in cui la gente ricerca notizie dell'ultim'ora.

Infine, un'idea inizia a diffondersi nella testa di alcuni, ossia che forse il problema non è quanti, ma quali motori di ricerca riescono ad indirizzare la gente verso le discussioni più popolari o verso argomenti specifici. Hmm, forse questo potrebbe avere qualcosa a che fare con... la qualità dei contenuti che trovano grazie a questi motori di ricerca?

 





Forse Esiste un Modello di Business Nella Diffusione di Contenuti Specialistici?

online_news_distribution_and_licensing_strategy_content_curation_is_next_maybe_there_is_a_business_model_in_freshly_updated_topic_oriented_content_id10072702.jpg

La nota dell'AP fa notare che gli articoli di Wikipedia sono ricchi di link e contenuti ben strutturati che spingono la gente verso altre fonti attendibili di informazione, uno criterio che potrebbe essere adottato anche dall'AP per i suoi stessi contenuti.

Come fa ironicamente notare Wales però "la creazione di pagine canoniche autorevoli da parte dell'AP, simili a quelle descritte in precedenza, suona come una buona idea che si doveva avere anni fa."

In altre parole, dopo oltre un quinquennio in cui Wikipedia ha costruito sia suoi contenuti sia il suo marchio come una fonte "pronta all'uso" per informazioni sempre aggiornate, focalizzate sull'argomento che dominassero le pagine di ricerca, grazie ad alcune persone nel business dell'informazione appare chiaro che forse un modello di business esiste anche lì.

 





Quali Sono le Persone Disposte a Pagare?

online_news_distribution_and_licensing_strategy_content_curation_is_next_what_are_people_willing_to_pay_id188180.jpg

Dato il livello crescente dei portali che aggregano efficacemente link a contenuti specifici, viene da chiedersi quali persone saranno disposte a pagare per i cosiddetti hNews objects, che l'AP spera di usare per "risanare" il mercato dell'informazione. La risposta sembra arrivare da un recente studio sugli atteggiamenti dei consumatori nei confronti dei contenuti di qualità, effettuato dal Boston Group e pubblicato sul New York Times.

Tale studio indica che meno della metà della popolazione degli Usa è disposta a pagare per le notizie online, e queste preferiscono pagare tariffe non superiori a 3 dollari al mese. Questo sembra essere in linea con quanto detto sul Journalism Online di Gordon Crotviz, il quale afferma che i siti di informazione possono aspettarsi un ricavo del 10% sui loro contenuti online.

Ho notato spesso che un sistema di gestione degli accessi ai contenuti è atteso da tempo ma le agenzie di informazione dovrebbero prendere esempio da ciò che avviene nel caso di pagamenti effettuati tramite applicazioni per iPhone, dovrebbero riconoscere cioè che i ricavi provenienti dalle funzionalità per mercati online e dai contributi delle community soddisfano bisogni personali più di quanto facciano una prosa immortale ed un buon network di contatti interni.

 





Possibili Ostacoli e Problemi

online_news_distribution_and_licensing_strategy_content_curation_is_next_possible_obstacles_and_issues_id2631911.jpg

Un sito specifico orientato verso la distribuzione di notizie sponsorizzato dall' Associated Press sarebbe una buona idea, ma c'è da chiedersi se l'AP o qualsiasi altra organizzazione siano capaci di creare contenuti e un brand in grado di competere nella lotta tra i motori di ricerca che cercano di accattivarsi l'attenzione del pubblico.

Allo stesso tempo, ponendo l'accento sulla "protezione" dei contenuti come mezzo per stabilire le licenze adeguate per i contenuti dell'AP, sembra vadano perse le reali opportunità di guadagno disponibili per l'AP e le altre agenzie di informazione.

Permettere al tuo pubblico la pubblicazione di tali contenuti è il meccanismo di distribuzione più efficace mentre una strategia di "trattativa con un fornitore comune" come suggerito dalla nota dell'AP, non appare altrettanto consigliabile.

 





Incoraggia La Distribuzione e Agevola la Condivisione Dei Guadagni

online_news_distribution_and_licensing_strategy_content_curation_is_next_encourage_distribution_and_support_revenue_sharing_id9382412.jpg

Ciò di cui hanno bisogno l'AP e le le altre agenzie di informazione, per avere successo nel campo delle licenze per contenuti, è un sistema che incoraggi la distribuzione dei loro contenuti attraverso i più efficaci e popolari canali, disponibili in qualsiasi momento.

Invece di ostacolare il tuo pubblico, permetti ed incoraggia chi ne fa parte a diventare lui stesso un distributore dei tuoi contenuti - aiutandolo anche a guadagnare grazie ad essi.

Un sistema di attribuzione di licenze automatico ed un sistema di fatturazione, simile a quello utilizzato nel campo della telefonia mobile - che aiuti anche a guadagnare tramite i contenuti quando è possibile - sono alla base di questo meccanismo, e dovrebbero costituire la pietra angolare della strategia di distribuzione di contenuti dell'AP. Con tale sistema in atto, i membri dell'AP potrebbero concentrarsi su come battere la concorrenza presente all'interno del loro stesso gioco, diventando i più efficaci aggregatori di notizie in un determinato mercato.

 





Dai Alla Gente Ciò Che Vuole

online_news_distribution_and_licensing_strategy_content_curation_is_next_give_people_what_they_want_id426050.jpg

Si, le agenzie di informazione continueranno ad attingere dalle proprie risorse editoriali, ma l'informazione di oggi - e quella di domani - ha bisogno di raccogliere i contenuti migliori da qualsiasi fonte a disposizione, in modo più efficace rispetto alla concorrenza.

Puoi avere un contenuto originale, ma di sicuro, l'originalità da sola non ti porterà al successo. E puoi avere conferma di questo osservando come i fornitori di notizie in campo finanziario hanno bisogno di raccogliere contenuti da varie fonti in modo da placare la fame di informazioni di chi prende decisioni in questo settore.

Nel corso del tempo si possono sviluppare attività uniche, ma la regola fondamentale è dare alla gente quello che vuole, dove lo vuole, quando lo vuole. Se dici alle persone che fanno parte del tuo mercato, di voler giocare adottando regole diverse non sorprenderti degli sguardi vuoti che forse noterai prima di accorgerti dell'attenzione di quelle persone che ascoltano in modo proficuo

 





Raccomandazioni Per AP

online_news_distribution_and_licensing_strategy_content_curation_is_next-recommendations_to_ap_id45350.jpg

Mi auguro per il bene dei professionisti e dei produttori di notizie che AP trovi una strategia di distribuzione efficace, e c'è qualche speranza se si legge quanto detto nella nota di AP. Ma la cosa che deve cambiare è l'atteggiamento dell'AP che tratta il web ancora con paura e disprezzo.

Più di 1,4 miliardi di persone sembra recepire i contenuti del web in altro modo, queste sono le persone che attraverso l'utilizzo che ne fanno, contribuiscono ad aumentare il valore delle notizie partecipando attivamente al processo di raccolta e distribuzione delle stesse.

E' tempo che l'AP riconosca come sua obiettivo primario quello di coinvolgere queste 1,4 miliardi di persone se vuole aumentare il valore dei suoi contenuti e del suo brand, abbastanza da permettere che vi siano pagamenti regolari per l'utilizzo di tali contenuti.




Informazioni su John Blossom

John_Blossom_85.gif

La carriera di John Blossom si sviluppa in più di 20 anni di marketing, ricerca, sviluppo e gestione e media di informazione avanzati, compresi grandi editori e società di servizi finanziari, e include anche una precedente esperienza nei media radiotelevisivi. Blossom ha fondato Shore Communications Inc. nel 1997, azienda specializzata nella ricerca e nella consulenza strategica di marketing per editori e consumatori dei servizi di informazione. John Blossom è anche l'autore di Content Nation, un gran libro su come "Sopravvivere e progredire mentre i Social Media cambiano il nostro Lavoro, le nostre Vite e il nostro Futuro".



CCT-PromoBox-Largo-20131126.png



Photo credits:
La Strategia Dell'AP Per l'Archiviazione Ottimale Delle Notizie - Tom Schmucker
Forse Esiste un Modello di Business Nella Diffusione di Contenuti Specialistici? - adistock
Quali Sono le Persone Disposte a Pagare? - pablo631
Possibili Ostacoli e Problemi - pmtavares
Incoraggia La Distribuzione e Agevola la Condivisione Dei Guadagni - adistock
Dai Alla Gente Ciò Che Vuole - james steidl
Raccomandazioni Per AP - Silvia Bukovac

 
 
 
 
Commenti    
blog comments powered by Disqus

 

 

 

 

15788
 




 

Web Analytics