MasterNewMedia Italia
Scopri i migliori tool per comunicare,
collaborare e fare marketing
   
Curated by: Luigi Canali De Rossi
 


25 ottobre 2007

Text Links E Penalizzazione Di Google: Tutto Ciò Che Devi Sapere

Il PageRank va giù di colpo? Il tuo traffico precipita? Se ti chiedi perchè, forse il tuo sito è stato in qualche modo penalizzato da Google, perchè probabilmente hai adottato ed utilizzi text link ads. E questa è la mia risposta definitiva: si, ed è anche ufficiale ora (come molti già sanno). Google penalizzerà man mano il tuo sito se hai venduto le tue pagine web text link di vari advertiser.

Google-text-links-evil-460.gif
Foto credit: Fernando Soares and Google - Mash up di Robin Good

Se non hai familiarità con i text link ads dovresti però almeno sapere che i text link sono una forma particolare di online marketing e di pubblicità che funziona perchè basato sul funzionamento dell'intero sistema di Google (e di molti altri motori di ricerca).

Essenzialmente Google, e i motori di ricerca, danno un rank ed organizzano i siti secondo gli argomenti e la rilevanza per ognuno degli argomenti, utilizzando i link da altri siti come voti reali che determinano il rank del sito e le tematiche principali a cui collegare tutte le pagine del web. Google vede chi linka chi e a seconda dell' "anchor text" del link determina anche il "focus" e la rilevanza di ogni pagina web per uno specifico argomento.

Acquistando un numero considerevole di link a parole chiave testuali tra quelle che già possiedono un rank elevato tutti possono rapidamente risalire le pagine dei risultati di ricerca di Google per tutti i termini di ricerca in cui vogliono risultare come primi nei risultati.

Questo spiega come è esploso il business dei text link ads negli ultimi 3 anni e perchè Google ora è costretto a cambiare alcune delle sue regole ed eliminare spietatamente i venditori di text links. I Text links funzionano! Ma dal momento che sono un modo evidente di prendersi gioco del sistema, possono anche essere uno dei fattori chiave della svalutazione di Google nella ricerca per siti che hanno fino ad oggi dominato nelle prime posizioni dei risultati di ricerca. Ora Google ha deciso di intraprendere una battaglia risoluta contro i text links penalizzando i siti che li utilizzano.

Questa è una notizia bomba, per tutti coloro che vivono mediante Internet, dal momento che Google in passato ufficialmente non penalizzava i siti che utilizzavano text links in qualche modo, ma silenziosamente e senza avvisare impediva loro di aumentare il PageRank per link di questo tipo.

In questo scenario, penalizzare un sito significa fare in modo che il sito non appaia più tra i primi risultati di ricerca di dentro Google in modo che non vengano trovati subito, ma solo molte pagine dopo. Essere penalizzati in questo modo è quasi la stessa cosa che essere completamente esclusi dal motore di ricerca di Google.

In alcuni casi la penalizzazione può consistere addirittura in una perdita di PageRank e di conseguenza in una significativa perdita di visibilità (e quindi di traffico) da parte dei risultati di ricerca di Google.

In buona sostanza:

a) da Aprile-Maggio di quest'anno la situazione riguardante i text links ha cominciato a cambiare.

b) Google abbassa il valore del PageRank per i siti che vendono link.

c) Google può penalizzare i siti che vendono link anche in altri modi, inclusa l'esclusione dall'indicizzazione, o mediante una visibilità significativamente ridotta dentro i risultati di ricerca abbassando il ranking dei siti.

d) Non tutti i siti sono penalizzati, sia per la mancanza di risorse necessarie da parte di Google che perché è così la strategia che Google è solita utilizzare in questi casi (continua a leggere per capire come funziona).

Questo è quello che ho visto accadere sul mio sito e quanto ho visto riportato anche da esperti SEO che con queste cose ci lavorano.

Non ci sono più dubbi a riguardo.

Vendere text link è un business rischioso se ti interessa contare sul traffico proveniente da Google.

Si, puoi ancora guadagnare bene con i text links, ma dal momento che Google ha dichiarato loro guerra aperta ai siti che li vendono, se ti adegui alle richieste più esplicite di Google a riguardo (togliere tutti i text links) oppure se cominci ad apprendere tecniche più sottili o insospettabili per integrare in qualche modo i text links sul tuo sito senza essere scoperto.

Per quanto riguarda me, personalmente faccio il passo decisivo in questa direzione e chiudo tutte le mie relazioni con i text links advertiser.

Alcuni hanno perfettamente compreso e rispettano le mie scelte, mentre altri hanno cercato di penalizzarmi, escludermi o perfino bannarmi dai loro account.

Le mie raccomandazioni sono comunque indirizzate a tutti coloro che intendono mantenere una relazione positiva con Google e non a quelli che tentano di aggirare in qualche modo il sistema. Si può guadagnare in centinaia di modi, molto più appaganti senza intasare il sistema di Google con siti a cui non daremmo neanche un voto.

Qui metto a disposizione, sulla base delle mie esperienze personali e di ciò che ho imparato e letto negli ultimi due mesi, i miei consigli e le mie raccomandazioni principali per tutti gli editori online.

 

 

Alcune Cose Fondamentali Che Ho Imparato Dalla Vendita Di Text Links

evil-and-evilless_id5065801_size180.gif

a) Se il tuo sito possiede una buona autorità ed un buon ranking, puoi guadagnare in maniera significativa dalla vendita di text links. Nell'ultimo mese in cui li ho utilizzati quest'anno, ho guadagnato circa $3,500-4,000/al mese solo da questa fonte di reddito.

b) Una buona autorità ed un buon ranking significano che devi avere almeno un PageRank 5 ed il numero di lettori in crescita come misurato da Technorati e Alexa.

c) I numeri relativi al traffico non sono importanti, dal momento che quelli che utilizzano i text links non sono interessati ad avere una ampia esposizione ma vogliono solo che tu gli trasmetta parte dell'autorità su loro link.

d) Non credere alle agenzie che vendono text link ed ai text link ads broker di qualunque tipo. La mia impressione complessiva non è stata mai positiva con queste società. Dalla TLA ai text link brokers meno conosciuti l'unica cosa buona che ho visto sono i soldi quando me li hanno consegnati. Per il resto nulla che si possa raccontare agli amici. Al momento il comportamento di alcune di queste società è stato così brutto e ingiustificato che se anche operassi in un segmento di mercato diverso, raccomanderei ugualmente i miei lettori di evitare di farsi coinvolgere.

e) Non lasciarti ingannare dal denaro facile. E' pari ai problemi a cui andrai incontro. A meno che non sia a favore dell'aggiramento a tutti i costi, io mi avvantaggerei invece delle molteplici altre alternative ed opportunità di monetizzazione che sono disponibili al giorno d'oggi.

f) Le agenzie di text link ad stanno per affrontare un brutto momento. La strategia di comunicazione di Google contro i text links ora è ufficiale, e mentre il Google advertising continua a promuovere e mostrare gli annunci per i text link broker a destra e a manca sulle sue SERPS, il Google search engine prosegue dall'altra parte la sua guerra contro i link a pagamento. E dal momento che le news del sito vengono possibilmente penalizzate dall'aver utilizzato text links, sempre più i piccoli editori indipendenti abbandoneranno questa fonte di reddito. Dal momento che Google ha apertamente dichiarato guerra a chi vende text link sul proprio sito, la paura di essere penalizzati da Google si sta diffondendo e i text link advertiser hanno ben pochi nuovi argomenti per convincere un'altra volta i siti a lavorare con loro.

g) La strategia del terrore di Google è molto efficace e se qualcuno dei siti che stai linkando ha già subito possibili penalizzazioni, è meglio che tu lo sappia sin d'ora prima che Google penalizzi anche te.

h) Google non ritornerà indietro sul fenomeno dei paid-for text link ma può solo migliorarsi nell'identificazione di text link artificiali collocati per aumentare la popolarità di altri siti e di conseguenza non fornire un voto di autorità alla chiave di ricerca. Google non possiede tutto Internet, ma fino a che manterrà una posizione di monopolio può decidere quali regole imporre sulle sue ricerche e sui modelli di business basati sulla pubblicità.

j) Sicuramente cominceremo a vedere molti text links meno espliciti nei siti che visitiamo, forse sta già accadendo e non lo abbiamo realizzato completamente. La tattica più recente utilizzata dalle società di text link (e che hanno rifinito negli ultimi 2-3 anni) è quella di nascondere i text links dentro paragrafi di contenuti apparentemente "standard" collocati negli articoli selezionati, o di creare direttamente pagine web "ad hoc" costruite esclusivamente allo scopo di integrare validi text links rendendo contemporaneamente i text links quasi impossibili da scovare.

k) Google ha già cominciato a cambiare profondamente l'algoritmo del ranking e quello di valutazione perciò, mentre i links rimangono un fattore fondamentale per stabilire la rilevanza di un sito e il suo focus, molti altri fattori vengono adesso usati per rafforzare e confermare i dati rilevanti per l'indicizzazione della ricerca. Questo approccio offre una protezione migliore ai siti consolidati che hanno visto il loro mercato decrescere gradualmente grazie alle strategie di paid-for linking aggressive che i loro competitor hanno utilizzato. Acquistare il modo per risultare ai primi risultati di ricerca di Google non dà certamente garanzie di una presenza di qualità, e siccome Google conosce bene tutto ciò, far ogni cosa per riconquistare la sua originale imparzialità e valori di ricerca di qualità. Certo non è un compito facile.



Altre Considerazioni

consideration_id561998_size125.jpg

Google, come lamentano molti (me incluso) non dà abbastanza informazioni su come comportarsi e cosa fare con i text link ads. Google addirittura promuove le agenzie di text link ads con gli ads che distribuisce per tutto il motore di ricerca e con tutti i siti partner di AdSense. Ancora, la sua strategia sembra chiara solo a chi la vuole vedere. Evita di essere coinvolto dai paid-for text links e tutto andrà bene.

Una cosa interessante che ho letto e dalla quale è difficile uscire e che Google ha intenzione di mantenere questo tipo di situazione in cui non è facile stabilire chi è stato penalizzato e chi no, dal momento che offrire un sistema trasparente che mostri tutti i siti penalizzati, offrirebbe ancora una volta informazioni valide a coloro che vogliono in altri modi prendersi gioco del sistema. In queste circostanze puoi infatti scoprire quali siti che utilizzano paid text links non sono ancora stati scoperti dal sistema di Google ed emulare il loro approccio di "camuffamento".

"Per lo stesso motivo, Google sta solo abbassando il PageRank per un certo numero di siti che realmente conosce."

E' importante comprendere bene questa affermazione. Sebbene Google conosca un grandissimo numero di siti che richiederebbero la penalizzazione dal momento che sono venditori di link molto attivi, ne sta penalizzando solo un sotto insieme senza rendere immediatamente evidenti le strategie e i criteri con cui vengono selezionati.

la cattiva notizia è, per evidenti ragioni che riguardano anche il sottoscritto, che i piccoli siti come il tuo e come il mio siano bersagli per la penalizzazione molto facili rispetto ai veri siti top che offrono contenuti fondamentali ai loro lettori e che ci si aspetta di trovare nei primi risultati di ricerca di Google.

"...Di contro, se sei un piccolo sito non importantissimo per rilevanza, una penalizzazione più severa del ranking potrebbe essere utilizzata per spiegare come funziona (Un sito di Text Link Ads è un buon esempio per questo)."

Ecco perchè se ti sei trovato con una diminuzione significativa del PageRank per il tuo sito, può anche essere che tu sia vittima di una penalizzazione generata dai text link.

"Utilizzando la diminuzione del PageRank (qualcosa che Google ha sperimentato con il caso SearchKing nel 2002), Google può veramente colpire drasticamente il valore percepito dell'acquisto di link da un particolare sito senza grossa e reale rilevanza.

...

Google puntualizza, comunque, che la diminuzione attuale del PageRank non viene assegnata in maniera completamente automatica; l maggioranza di queste diminuzioni viene effettuata dopo una revisione umana dei siti in quesitone. Questo può aiutare a prevenire false e troppo facili attribuzioni indiscriminate."

Fonte delle citazioni precedenti: Search Engine Land - 7 Ottobre 2007


Raccomandazioni Conclusive

doctors-advice_id656877_size220.jpg

1) Se per te il traffico di Google è importante evita di utilizzare i text links.

2) Se hai usato i text links in precedenza o li stai ancora utilizzando, considera seriamente di eliminarli prima che Google se ne accorga. Tornare indietro non sarà facile, nemmeno rapido o garantito.

3) Se hai utilizzato i text links in precedenza o li stai ancora utilizzando e hai deciso di eliminarli tutti come ho fatto io e di sottoporre a Google una "richiesta di reinclusione" utilizzando il form apposito che trovi nella pagina principale della Google Webmaster Tools.

4) Se non vuoi sottostare alle regole di Google, e vuoi avere un sito che non dipenda da Google per il traffico ed hai il tempo e le competenze per gestire il contenuto delle tue pagine come vuoi, assicurati che i tuoi text link siano completamente invisibili a chiunque, non ne parlare con nessuno e rendi la URL visibile solo sui siti di aste text link e sui loro database. Cioè, se vuoi continuare a farlo, faresti meglio a non dire a nessuno e che fai questo lavoro.

5) Se ti piace Google è vuoi che il motore di ricerca funzioni sempre meglio, non prenderti gioco del sistema. Quelli come me e come te che lavorano e vivono della scrittura e della pubblicazione di onesti contenuti, avranno solo da guadagnarci da tutta questa situazione.

 



ebook-penalizzazione-download.png

 



Articolo scritto da per Master New Media con il titolo: "SellingText Links Ads And Google Penalization: What You Need To Know". Versione Italiana a cura di Caterina Policaro - per un feedback editoriale scrivi a Robin.Good[at]masternewmedia.org.



Foto credits:
Amore - Odio : Foto credit: Boroda003
Altre considerazioni: Foto credit: Bartosz Ostrowski
Raccomandazioni finali: Foto credit: Andres Rodriguez

 
 
 
 
 
Commenti    
blog comments powered by Disqus

 

 

 

 

8172
 



 

Risorse Consigliate

 

 

I Toolkit di Robin


 









 

 

 

 

  • RSS Feed

          Mail
    Nome:
    Email:
     



     
     

     

    Web Analytics